Speciale Elezioni Comunali 2014

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS Feed

Petizione per salvare l’ospedale Seimila firme

Petizione per salvare l’ospedale: seimila firme. Migliaia di residenti in città e provincia hanno già sottoscritto l’iniziativa.

Ospedale

Ospedale

Sono oltre seimila le persone che hanno firmato la petizione del comitato «Salviamo l’ospedale del Medio Campidano» nato all’indomani dell’incontro con l’assessore regionale alla sanità Antonello Liori, per chiedere per chiedere impegni concreti per la realizzazione del nuovo presidio. Così la proposta del comitato, formato da diversi cittadini, accomunati da una stessa finalità al di là delle personali idee politiche, trova il consenso della gente comune, come ricorda il presidente Bebo Casu: «Le persone hanno capito l’importanza dell’ospedale per la salute di tutti. Chiediamo il rispetto del progetto da 250 posti mentre dispiace il silenzio dei politici da cui vorremo un sostegno maggiore».
Ai componenti del comitato non va giù il progetto rimodulato presentato a voce dall’assessore Liori: «Questo prevede il taglio di ben 50 posti letto che a suo dire verrebbero ridistribuiti nelle strutture territoriali, una riduzione degli investimenti previsti da 92 a 46 milioni di euro, nonché a una mancata attivazione delle nuove specialità previste. A tutt’oggi non si conoscono atti ufficiali concreti».

I componenti del comitato difendono l’assistenza che può essere garantita solo dall’ospedale. «In un nosocomio concepito con criteri moderni», rimarcano, «i posti letto di lungodegenza non sono altro che posti letto per particolari patologie che richiedono comunque un’assistenza all’interno della struttura ospedaliera. Per quanto riguarda il taglio agli stanziamenti, il costo a posto letto per l’edilizia sanitaria è, come riconosciuto dagli esperti del settore, di 450 mila euro e non, come dichiarato dall’assessore, di 1.200 euro al metro quadrato, investimenti che al giorno d’oggi non sono più sufficienti neanche per la costruzione di una civile abitazione; per cui il conto è presto fatto».

Anche la maggioranza in Consiglio provinciale e il gruppo «Federazione Medio Campidano» ha sottoscritto un ordine del giorno di sostegno al comitato.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di Giovedì 26 novembre 2009

Condividi la pagina

Lascia un commento