Calendari 2015

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS Feed

«La Provincia era sgradita»

Esponenti di maggioranza e opposizione dei capoluoghi analizzano il voto. Ma i sindaci di Sanluri e Villacidro: ora rischiamo.

I cittadini di Villacidro e Sanluri, capoluoghi della morente provincia del Medio Campidano, hanno votato in massa per l’abolizione. Insoddisfazione per i primi otto anni o c’è qualcos’altro?

Provincia

Provincia

VILLACIDRO Il record regionale sull’affluenza ai seggi non consente vie di mezzo. Con un secco 50 per cento di votanti, i cittadini dell’ormai quasi ex capoluogo hanno detto a chiare lettere che la Provincia va messa in soffitta. Dalla sua finestra all’ultimo piano del palazzo municipale, il sindaco fornisce una lettura altrettanto limpida del voto. «La gente si è espressa contro le province in genere, non solo contro la nostra», commenta Teresa Pani , sottolineando che i suoi concittadini «forse non hanno ragionato sulle conseguenze del ritorno alla provincia di Cagliari e non hanno compreso i vantaggi di un ente che tutelava il nostro territorio diversamente da quello che accadeva prima». Di parere diverso Efisio Meloni , consigliere provinciale d’opposizione: «Questa Provincia ha trascurato la nostra zona, i vari piani di valorizzazione della campagna, che non hanno comunque portato a nulla, erano tutti per la Marmilla e intanto gli indicatori di benessere (reddito pro capite, scolarizzazione) scendevano a picco. I villacidresi hanno capito che l’istituzione non ha inciso sulla soluzione dei problemi». Secondo Michele Cuccui , assessore provinciale alla Cultura, il voto villacidrese «non è da snobbare, indica il disagio della gente e che le isitituzioni vanno riformate, tutte e presto». Sull’elevata percentuale di votanti, Cuccui è convinto che «in un periodo così oscuro, avrebbero votato contro qualsiasi ente politico, ma non dimentichiamo che Villacidro risponde sempre in massa alla chiamata elettorale».

SANLURI Oltre il 38 percento di votanti, cioè 2900 persone. Questi il numero dei sanluresi che domenica scorsa si sono recati ai seggi. «Il nostro territorio provinciale ha avuto la percentuale più alta di votanti», sostiene il presidente del Consiglio provinciale uscente, Fabrizio Collu , «questo significa tanto, un responso che non va trascurato, i cittadini evidentemente non hanno metabolizzato al meglio il nostro lavoro, non lo hanno compreso o forse noi stessi non siamo stati in grado di trasmetterlo nel migliore dei modi, ora probabilmente non resterà che proseguire con ordinaria amministrazione fino a quando non sarà promulgata la nuova legge regionale». Quale sarà il futuro del territorio? Il sindaco di Sanluri Alessandro Collu si mostra preoccupato: «Spero che questo risultato non venga utilizzato nel modo sbagliato, non vorrei che l’eliminazione delle province servisse a concentrare tutti i servizi a Cagliari per un ipotetico risparmio, causando alla popolazione di questo territorio disagi ed enormi costi per gli spostamenti; conto sul fatto che ogni decisione futura venga presa attentamente, con un occhio di riguardo ad una popolazione che non deve essere abbandonata a se stessa».

Fonte: Fabio Leo, Simone Nonnis, Unione Sarda

Condividi la pagina

Lascia un commento