#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Fine della polemica: «Sì al Carnevale, parola di sindaco»

Alcuni gruppi storici del carnevale sangavinese hanno iniziato a costruire i carri di cartapesta, ma fino ad oggi non sono stati contattati né dall’amministrazione comunale né da una associazione che organizzi le due tradizionali sfilate. E sono tanti i giovani (e non) che ogni giorno sfidano il freddo e il gelo serale e notturno per dare vita ai carri allegorici. 
«Nessuno ci ha ancora contattato – spiega Sergio Lotta del gruppo “Fibra Ottica” – ma ormai da 20 giorni abbiamo iniziato la costruzione del carro perché abbiamo voglia di fare il carnevale e di divertirci. Il tema scelto è “Samba do Brasil”». 

Stesso discorso per le associazioni “Revolution Crew” e “Anno Zero” che hanno unito le forze per dare vita ad un unico carro. «Ad oggi – sottolinea Andrea Merella dei “Revolution” – nessuno ci ha detto se ci sarà o meno il carnevale. Ecco perché abbiamo scelto un tema d’attualità. Il titolo è “Enigma: ci sarà un carnevale sangavinese?”» Noi ci saremo, questo è certo, ormai è da 25 anni che questa storia si ripete. Non siamo disposti, come abbiamo fatto nella scorsa edizione, ad organizzare la manifestazione in queste condizioni. Il carnevale è sempre stato visto come fonte di voti e non di crescita per tutta la gioventù sangavinese». 

È molta l’amarezza e la delusione anche per il gruppo “Anno Zero”: «In questi anni – evidenzia Nicola Orrù – abbiamo sempre chiesto di programmarlo, ma così non è stato. Siamo stati denunciati e cacciati dai capannoni (ex casermette)». 
Intanto in questa situazione di incertezza e senza locali, altri gruppi più recenti come “Karioka” e “New Teker” hanno dovuto rinunciare alla costruzione del carro. Per cui, rispetto alle cinque opere in cartapesta locali, quest’anno ne saranno presenti solo due, mentre molti carri di altri centri hanno già accettato l’invito arrivato da altre sfilate. 
A fare luce sulla situazione ci pensa il sindaco Stefano Musanti: «Il carnevale si farà e sarà organizzato da un’associazione sangavinese. Si partirà dai carristi che sono l’ossatura della manifestazione, ma ci sarà spazio per le maschere singole, per i gruppi a piedi e le maschere tradizionali delle cultura sarda. Abbiamo messo in bilancio 30 mila euro come nel 2008». Disponibilità anche da parte dell’assessore alla cultura, Marco Pisu: «Il Comune non organizza, ma partecipa in termini di personale, mezzi e risorse».
Fonte:  Gigi Pittau su Unione Sarda di Domenica 01 febbraio 2009

Lascia un commento