#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Salta il Carnevale Sangavinese 2009

Ci sentiamo di dissentire – in parte – con le premesse di questo articolo comparso sull’Unione Sarda di oggi.
Da quello che era emerso  dai forum e dai gruppi pro-carnevale sangavinese, l’intenzione di disertare le sfilate di San Gavino (almeno da parte dei gruppi che stanno realizzando i carri allegorici) era già stata palesata da tempo, ben prima dello scioglimento della Giunta Comunale: non sarebbe quindi una conseguenza della crisi politica attuale, ma un problema precedente, nato dall’impossibilità di utilizzare le
ex-casermette (e con le relative denunce per occupazione illegale) per la costruzione dei carri.
L’attuale situazione politica al Comune è senza dubbio un’aggravante, ma – a nostro parere – non è il fattore scatenante.

 

Vedi le foto
La crisi politica fa sentire i suoi effetti sulla vita di San Gavino ed in particolare sulle prossime manifestazioni. Così, salvo miracoli dell’ultima ora, salteranno le due sfilate dei carri allegorici previste per il 22 e 24 febbraio che avrebbero dovuto vedere la partecipazione dei carri e degli altri provenienti da tutta la Sardegna. 
Non si farà il carnevale con le bellissime opere in cartapesta con le migliaia di maschere al seguito.
USCENTE La conferma arriva dal sindaco uscente Stefano Musanti: «Eravamo riusciti a definire un programma per la manifestazione con tantissime novità con la partecipazione delle maschere tradizionali sarde in modo da coinvolgere diverse fasce di età: non solo i giovani, ma anche i bambini e gli anziani. I gruppi del paese che stanno preparando i carri di cartapesta avevano dato la loro disponibilità e l’associazione culturale «Il cilindro» che si sarebbe occupata dell’organizzazione. Era previsto tra l’altro il coinvolgimento della camera di commercio e dei pastifici». 
Insomma la crisi politica ha interrotto una festa conosciuta in tutta la Sardegna e che vantava una storia ininterrotta di 25 anni. Tra i carristi c’è molta amarezza: «Il fatto che non si faccia il carnevale a San Gavino – spiega Nicola Orrù del gruppo Anno Zeroè un grande danno di immagine ed economico. I paesi limitrofi ne approfitteranno. Noi sfileremo a Samassi, Terralba, Guspini e Marrubiu». Stesso discorso per il gruppo «Fibra Ottica»: «Pare che salti tutto, – rimarca Sergio Lotta – ma noi speriamo fino all’ultimo che il carnevale a San Gavino si faccia. In ogni caso garantiamo almeno 4 sfilate ai nostri iscritti». 
DELUSIONE La macchina organizzativa si è fermata proprio quando tutto sembrava essersi risolto per il meglio come ricorda Pietro Atzori, presidente dell’associazione «Il Cilindro» che avrebbe dovuto curare l’organizzazione del carnevale: «A questo punto – spiega – salta tutto. Avevamo già contattato 6-7 gruppi di maschere tradizionali della Sardegna che avevano dato la loro disponibilità. Il percorso della sfilata sarebbe stato rivisto e limitato alle sole viale Trieste e viale Rinascita mentre in piazza Marconi la festa sarebbe andata avanti fino a tarda notte con il coinvolgimento di artigiani, pasticceri e cantine. Questo carnevale avrebbe visto la partecipazione attiva anche di bambini e anziani».
EMIGRATI A questo punto pare certo che i gruppi che hanno preparato i carri del paese saranno costretti ad emigrare nel circondario e San Gavino dovrà cercare il prossimo anno quel ruolo che ha sempre avuto di capitale del carnevale del Medio Campidano. La delusione è tanta soprattutto tra i giovani del paese che partecipano attivamente al carnevale e tra i maestri della cartapesta che sfidano il freddo, la pioggia e il vento per costruire i carri allegorici. Una doccia fredda e una delusione per un evento atteso da mesi.
Fonte: Gigi Pittau sull’Unione Sarda di Lunedì 9 Febbraio 2009
Approfondimenti e discussione sul forumhttps://www.sangavinomonreale.net/forum/viewforum.php?f=20

Lascia un commento