19.8 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 21 Ottobre 2020

Ugo Cappellacci è il nuovo Presidente della Regione

Da leggere

Aiutateci a ritrovare Lucky

Stamattina è scappato Lucky, il cagnolino che vedete in foto. Si è allontanato dalla zona do via Po a San Gavino Monreale....

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 20.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna: 18 attualmente positivi (+3 da ieri) di cui...

Studenti in sciopero: ecco le risposte dell’Assessorato Regionale ai Trasporti

Studenti dei licei di San Gavino Monreale e Villacidro in sciopero, per denunciare l'inadeguatezza del sistema dei trasporti regionale. Tra ieri e...

Cane sfortunato cerca famiglia prima dell’inverno

Questo sfortunato cagnolino cerca una famiglia che possa dargli cure e affetto. Un signore premuroso lo ha ritrovato nei pressi della sua...

Il centrodestra strappa la Sardegna allo schieramento avversario e Ugo Cappellacci diventa il nuovo governatore, scalzando Renato Soru che nel 2004 vinse con il 50,13%. Il dato pressoché definitivo (91% di sezioni scrutinate) arriva intorno alle 6 e mezza del mattino – 15 ore dopo la chiusura dei seggi – e assegna a Cappellacci il 51,86% dei consensi, mentre il presidente uscente si ferma al 42,9, un distacco di 9 punti che pesa come un ko. 

Crolla la coalizione di centrosinistra inchiodata al 38,67% contro il 56,66 del centrodestra. Ma Soru si conferma vincente nella leadership conquistando quasi cinque punti in più della sua coalizione. Cappellacci ne ha presi esattamente 5 in meno. Il Pdl diventa il primo partito nell’isola superando il 30%, il Pd al contrario affonda e non arriva al 25% (un anno fa alle Politiche si attestò al 33% e nelle Regionali del 2004 la somma dei tre partiti confluiti nel Pd, Ds-Dl-Progetto Sardegna, portò una dote attorno al 32%). 

“In ordine all’andamento degli spogli e ai risultati delle elezioni in Sardegna, sino ad ora non ho rilasciato alcuna dichiarazione. Le frasi che mi sono state attribuite sono pura invenzione”. Così ha detto stamani il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in una dichiarazione all’ANSA a proposito di quanto attribuitogli da organi di stampa riguardo al risultato del voto in Sardegna.

Nelle fila del centrodestra crescono i Riformatori (dal 6 al 7% circa), si conferma la potenza dell’Udc che viaggia sempre sul 9-10%, mentre il contestato debutto del Psd’Az nello schieramento guidato dal Pdl premia la scelta dei suoi dirigenti (dal 3,83% del 2004 al 4,35 di oggi). Nella casa degli avversari, netto balzo in avanti dell’Idv che passa dallo 0,99% del 2004 all’attuale 5%. Al contrario, scende di un punto il Prc che si attesta al 3%. 

I dissidenti del Psd’Az, invece, raggruppati con i Verdi nella lista dei Rosso Mori si fermano al 2%. I Socialisti, cinque anni fa alleati con Soru, hanno fatto una corsa solitaria che li ha portati a superare di poco il 2% contro il 3,76 del 2004: una scommessa persa quella di rompere con il centrosinistra, perché il partito vede sfumare la possibilità di conquistare anche solo un seggio. 

L’Irs dell’indipendentista Gavino Sale si conferma intorno al 2% come dato di lista, ma la sorpresa è il successo personale del leader che ha superato il 3% nella lista regionale. Irrompe un inedito “partito”, quello dell schede nulle che diventano la terza forza della Sardegna: sono quasi 15.000, a cui si aggiungono le schede annullate volontariamente dall’elettore (circa 3300) e quelle bianche (più di 5000). A risultato ormai acquisito, una prima proiezione dei seggi ne assegna 54 al centrodestra e 26 al centrosinistra per un totale di 80 consiglieri che andranno a comporre la nuova Assemblea regionale contro gli 85 della precedente legislatura. 

La schiacciante vittoria dello schieramento guidato da Cappellacci non fa infatti scattare il premio di maggioranza che determina l’eventuale aumento del numero minimo di 80 consiglieri previsto dalla legge. Nella nuova maggioranza 26 seggi verrebbero attribuiti al Pdl, 7 all’Udc, 5 ai Riformatori, 3 al Psd’Az, 2 a Sardegna Unita-Uds e 2 all’Mpa. Nello schieramento dell’opposizione 17 seggi andrebbero al Pd, 3 all’Idv, 2 al Prc, uno ai Rosso Mori, uno al Pdci e uno a La Sinistra. Rispetto al Consiglio regionale uscente, il rapporto si capovolge: nel 2004 il centrosinistra aveva ottenuto 51 seggi (grazie al premio di maggioranza) contro i 34 dell’opposizione.

 

Partecipa alla discussione sul forum nel topic In Sardegna al voto il 15 e 16 febbraio 2009

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime News

Aiutateci a ritrovare Lucky

Stamattina è scappato Lucky, il cagnolino che vedete in foto. Si è allontanato dalla zona do via Po a San Gavino Monreale....

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 20.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna: 18 attualmente positivi (+3 da ieri) di cui...

Studenti in sciopero: ecco le risposte dell’Assessorato Regionale ai Trasporti

Studenti dei licei di San Gavino Monreale e Villacidro in sciopero, per denunciare l'inadeguatezza del sistema dei trasporti regionale. Tra ieri e...

Cane sfortunato cerca famiglia prima dell’inverno

Questo sfortunato cagnolino cerca una famiglia che possa dargli cure e affetto. Un signore premuroso lo ha ritrovato nei pressi della sua...

Università della Terza Età, aperte le iscrizioni all’Anno Accademico 2020/21

L'età non deve essere considerata un limite per smettere di studiare ed al tempo stesso di imparare. È tenendo presente questo spirito...