#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Chiusa la SS 197

Dalle ore 12 di martedì 24 Febbraio saranno chiuse quasi tutte le strade di accesso al paese con il conseguente caos nella circolazione delle auto e dei mezzi pesanti. Lo ha deciso con alcune ordinanze il sindaco Stefano Musanti: «Il motivo – spiega – è dovuto alla pericolosità delle strade. Nella viabilità interessata ai lavori della ferrovia non ci sono le condizioni minime di sicurezza per poter transitare: anche nei giorni scorsi si è verificato un incidente per fortuna senza gravi conseguenze, ma ora basta. Nonostante le tante richieste di intervento, in un anno e mezzo in cui è stato aperto il cantiere delle Ferrovie, abbiamo avuto un disinteresse totale da parte della Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) e della Saffer, la ditta che ha preso in appalto i lavori».
Così sarà chiusa al traffico la circonvallazione provvisoria che dalla Strada Statale 197 in direzione Sanluri-Guspini permette l’accesso al paese poco prima del cimitero. In sostanza chi all’altezza di Sanluri si immette dalla statale 131 sulla 197 per proseguire verso San Gavino e Guspini, non potrà più farlo perché l’ordinanza del sindaco vieta la circolazione a qualsiasi tipo di mezzo: dalle macchine agli autobus fino ad arrivare ai mezzi pesanti. Per arrivare al paese della fonderia bisognerà percorrere la provinciale San Gavino-Sardara.
«Qui – aggiunge il sindaco Stefano Musanti – sarà consentito l’accesso ai mezzi che non superano i 35 quintali. Non ho altra scelta perché i mezzi pesanti del cantiere della ferrovia hanno danneggiato queste strade di accesso al paese per non parlare del fatto che il transito di questi mezzi ha distrutto le vie cittadine. A ciò si aggiungono gli ingenti danni alla viabilità rurale, causando l’allagamento delle strade che ora non permettono più l’accesso ai terreni dei privati».
Una decisione sofferta quella del primo cittadino che ha più riprese ha cercato il dialogo con le imprese, ma alla fine la pazienza è finita: «Abbiamo ricevuto solo finte promesse da parte di Rfi e della Saffer nonostante gli incontri con il prefetto che è stato informato della situazione. Ora andremo per le vie legali e chiederemo il risarcimento per tutti i danni causati anche alla viabilità del paese. I cittadini sono esasperati da questa situazione ed in particolare sono stati logorati i fondi stradali delle vie Dante, Goldoni e Pascoli. Queste ed altre strade sono state danneggiate soprattutto dal transito dei mezzi del cantiere della ferrovia».
La situazione è disastrosa come conferma il comandante dei vigili urbani Massimiliano Orrù: «Servono degli interventi urgenti in particolare all’altezza della rotonda di via Pascoli e ancora ci sono delle voragini nella strada del cantiere ferroviario che porta alla provinciale per Sardara».
Insomma l’insidia è dietro l’angolo e si aggiunge ai tanti pericoli della statale 197 come l’incrocio tra Villacidro e San Gavino: «In questo punto – rimarca il maresciallo dei carabinieri Sergio Passalacqua – è altissimo il numero di incidenti con esiti gravi e in alcune circostanze anche mortali».

Fonte:  Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento