#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Strada San Gavino – Pabillonis poco sicura: interviene la Provincia

Sarà reso più sicuro e agevole il percorso delle strade provinciali che collegano Pabillonis a Sardara e Pabillonis a San Gavino. Entrambe le arterie sono state inserite, infatti, con un intervento straordinario, nel piano della viabilità della Provincia del Medio Campidano. Sono 1.200.000 gli euro stanziati per la provinciale Pabillonis-Sardara e 450 mila per quella di San Gavino. Si prospettano oltretutto tempi brevi per la realizzazione delle due opere. «Proprio in questi giorni è stata espletata la gara per l’affidamento dell’incarico per la progettazione», spiega Marco Tuveri consigliere provinciale di Pabillonis.

Il maggior intervento verrà effettuato nella provinciale 69: è percorsa da tanti automobilisti che, provenienti soprattutto dalla statale 131, si recano alle Terme di Santa Maria Acquas, a Pabillonis e da qui nelle zone della marina di Arbus. La strada, lunga undici chilometri priva di paletti segnaletici, con il mantello stradale rovinato, avvallamenti e con una carreggiata ristretta, diventa un percorso a rischio, soprattutto nel periodo estivo quando il traffico si fa più intenso per il flusso turistico. Ma è soprattutto il ponte sul rio Arriana, ai confini dei comuni di Pabillonis e Sardara a mettere a rischio la sicurezza degli automobilisti. E nonostante i cartelli stradali segnalino una pericolosa strettoia della carreggiata, in quel ponte sono avvenuti diversi incidenti stradali, di cui alcuni mortali: l’ultimo tre anni fa con la morte di una giovane donna di Sardara la cui auto si era schiantata sul muretto in cemento.
Anche la provinciale per San Gavino è trafficatissima da chi si reca all’ospedale e alla stazione ferroviaria e sarà oggetto di una manutenzione straordinaria con la sistemazione del manto stradale e il ripristino della segnaletica.

Fonte: Dario Frau, Unione Sarda di Giovedì 20 agosto 2009

Lascia un commento