#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Piazze e periferia in ostaggio della spazzatura

Bottiglie e piattini di plastica abbandonati, cestini colmi di rifiuti, faretti e panchine distrutte. È questo il triste spettacolo che si presenta in una delle tante piazze del paese: è sufficiente fermarsi in alcuni luoghi di ritrovo per poterlo constatare di persona. Basti pensare al degrado nel parco lettura della biblioteca comunale. Si tratta di un grosso polmone verde nel cuore della cittadina che ormai da troppo tempo sembra essere diventato terra di nessuno. L’erba verde è ormai ingiallita ed ha lasciato spazio ad un ammasso di lattine e di rifiuti di altro genere
Ma il discorso non riguarda solo il parco della biblioteca perché basta spostarsi di pochi metri nella centrale via Dante per vedere le cunette invase da un ammasso di cartacce e rifiuti di ogni genere. Alcuni residenti lamentano la scarsa pulizia della strada in cui si trovano ben tre scuole cittadine, ma non è l’unico caso.
Nella zona tra piazza Raffaello e piazza Michelangelo c’è chi ha pensato di tagliare i fichi d’india ed ha lasciato i rami secchi al centro della piazza. Lo squallore non risparmia neppure la via Roma: in particolare nella piazza Sanna poco distante dai giardinetti i cestini dei rifiuti sono ricolmi di lattine. Uno spettacolo che si ripete nell’ex area Melas con molto frequentatori notturni che abbandonano i rifiuti per terra ogni notte e soprattutto nel fine settimana.

Da parte sua il Comune cerca di attivarsi in tal senso: «Stiamo facendo salti mortali – assicura l’assessore all’ambiente Paolo Onnis – rispetto al personale a disposizione. Dovremo riuscire ad assumere qualche altra persona ma è una vergogna che quello che si pulisce oggi venga sporcato l’indomani. Definisco vandali quelli che sporcano il paese. Se daremo viaggi premio ai cittadini più virtuosi, inaspriremo le pene contro chi continua a buttare i rifiuti per terra. Inoltre saranno aggiunti altri contenitori per i rifiuti».
Critico è invece Giorgio Olla, consigliere comunale di minoranza: «I viaggi premio non sono un incentivo, l’amministrazione deve premiare i cittadini che contribuiscono alla raccolta dei rifiuti cosi come era stato promesso dall’amministrazione che ha istituito la raccolta differenziata. Spesso i cittadini abbandonano i rifiuti, forse bisogna trovare un accorgimento per farli conferire in maniera più immediata».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di Mercoledì 23 settembre 2009

Lascia un commento