16.1 C
San Gavino Monreale
lunedì, Giugno 1 2020

Pendolari ostaggio dei treni-lumaca

Da leggere

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Inciviltà e abuso di alcolici, due facce della stessa medaglia

Da più fonti, nelle ultime ore, abbiamo ricevuto segnalazioni di lattine e bottiglie abbandonate nei parchi di San Gavino Monreale. Talvolta accanto...

Solinas: “Il passaporto sanitario non sta fermando gli stranieri”

In una lunga intervista curata da Emanuele Lauria per il quotidiano La Repubblica (del 31 maggio 2020, pagina 11), il presidente della...

Due ore e mezzo per arrivare da Cagliari: fermate improvvise e proteste.

Treno fermo alla stazione di San Gavino
Treno fermo alla stazione di San Gavino
Un’odissea. È questa la sintesi del viaggio di molti pendolari che lunedì sera hanno preso alcuni treni partiti da Cagliari e diretti a San Gavino ed Oristano. «Sono partito dal capoluogo – racconta Renato Sechi, uno dei tanti pendolari – alle 18.30, il treno sarebbe dovuto arrivare alle 19.22. In realtà il convoglio ha accumulato un ritardo enorme e siamo giunti a San Gavino dopo le 21. C’è stato un guasto prima di arrivare a Villasor e abbiamo dovuto aspettare i treni successivi».

Peggio è andata a chi è partito da Cagliari con il treno delle 19: «Ero esasperata – una pendolare di San Gavino – il convoglio si è fermato a Decimomannu per dieci minuti e nessuno ci ha detto niente. La gente scendeva dal treno per chiedere informazioni e nel frattempo è stato staccato il nostro locomotore che è finito a Villasor per recuperare il treno guasto. Poi è arrivato un altro convoglio da Cagliari e tutti come pecore ci siamo spostati da un binario all’altro, ma nessuno dei treni partiva».

Insomma una situazione assurda che ha visto momenti di tensione tra passeggeri e personale delle Ferrovie. Molti pendolari sono esasperati dal ripetersi dei ritardi: «Non sto più viaggiando in treno perché è una disperazione. L’altra sera è stato il massimo – continua ancora la pendolare – non oso immaginare a che ora saranno arrivati a casa i vviaggiatori di Oristano. C’erano numerose persone di una certa età che una volta scese dal treno dovevano percorrere un lungo tratto di strada a piedi. La cosa più assurda è che continuavano ad arrivare i treni provenienti da Oristano e non capisco quali fossero i problemi dal momento che c’è il doppio binario».
Ma non è questo l’unico disagio perché anche il treno che ogni giorno parte da San Gavino alle 7.12 per arrivare alle 7.46 non ha quasi mai posti liberi con i pendolari costretti a viaggiare in piedi.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di Mercoledì 14 ottobre 2009

Altri articoli

Ultime News

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Inciviltà e abuso di alcolici, due facce della stessa medaglia

Da più fonti, nelle ultime ore, abbiamo ricevuto segnalazioni di lattine e bottiglie abbandonate nei parchi di San Gavino Monreale. Talvolta accanto...

Solinas: “Il passaporto sanitario non sta fermando gli stranieri”

In una lunga intervista curata da Emanuele Lauria per il quotidiano La Repubblica (del 31 maggio 2020, pagina 11), il presidente della...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 30 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...