25.5 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Giugno 3 2020

A chi si mette in proprio 10 mila euro Pronto il bando “de minimis”

Da leggere

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Giovane, disoccupato, ma desideroso di trovare lavoro e aprire una propria impresa. È questo l’identikit generale di chi ha partecipato all’incontro di presentazione del bando «De minimis», vale a dire i soldi che la Regione assegna a favore dei Comuni per favorire i giovani che vogliono fare impresa.

Oltre venti sono stati i presenti pronti ad ascoltare le linee guida illustrata con molta chiarezza e competenza dall’assessore alle politiche del lavoro Fedele Melas e dalla dottoressa Alessandra Fantinel. L’obiettivo è di incentivare i piccoli nuovi imprenditori, offrendo la possibilità di valorizzare professionalità, capacità e risorse presenti nel nostro territorio, dando valore ai giovani, alle donne e ai soggetti svantaggiati, spesso i primi ad essere penalizzati dal mercato del lavoro.
In tutto ci saranno a disposizione 63.497 euro e ogni singolo finanziamento non potrà superare i 10 mila euro e l’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, entro il limite del 90% dell’investimento ammesso. Possono partecipare al bando coloro che vogliono avviare nuove attività imprenditoriali con non più di 50 dipendenti.
«Non si può pensare – sottolinea l’assessore Fedele Melas – di iniziare queste attività senza vere un budget in proprio. Un dipendente costa. Chi partecipa ad un bando di questo genere non può pensare di fare subito business. Non si può pensare di fare soldi prima di 2-3 anni. Minimo ci vogliono 3-5 anni . Il Comune approva l’attività sulla base di un calcolo di rischio: in ogni caso non pensate alla sconfitta, pensate al futuro».

Per presentare le domande c’è tempo fino al 4 dicembre ed in questo periodo i giovani imprenditori non saranno lasciati soli perché ci sarà lo «Sportello Impresa Lavoro» al 2° Piano del Palazzo Comunale in Via Trento, 2, telefono: 070/93749205; e-mail: sgmonreal@gmail.com

Martedì 27 ottobre 2009

Altri articoli

Ultime News

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...