#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Comune in lotta contro le discariche

Assunti 19 operai per bonificare le aree degradate e pulire le strade. L’assessore all’Ambiente: «Ci sarà un coordinamento con il volontariato, le forze dell’ordine e i vigili urbani».

Discarica a cielo aperto

Discarica a cielo aperto

Ridare decoro alle strade e agli spazi verdi del paese e nello stesso tempo creare nuovi posti di lavoro. È con questa duplice finalità che l’amministrazione Comunale, tra liste di collocamento e altri progetti, ha assunto 19 persone. La maggior parte di queste sono ora impegnate nello spazzamento di strade o nella bonifica di discariche a cielo aperto che negli ultimi tempi si sono moltiplicate. Lo rimarca l’assessore all’Ambiente di San Gavino, Paolo Onnis: «Quando ci siamo insediati come nuova amministrazione, più di sei mesi fa, abbiamo trovato il paese in condizioni pessime e senza nessuna risorsa disponibile perché il bilancio non era stato approvato. A giugno abbiamo assunto per un anno quattro operatori del progetto Sardegna fatti bella, che hanno provveduto a bonificare alcune discariche abusive e a sanare altre situazioni critiche».

ASSUNZIONI Ora, tramite i servizi sociali, sono state assunte per diversi mesi quindici persone affidate alle cooperative sociali: 10 operano nella Sarda Multiservice ed altri 5 nella Global Service. In sei, con la qualifica di manovale, stanno lavorando alla pulizia del paese. «Inoltre abbiamo assunto anche un giardiniere che si sta occupando di tenere puliti gli spazi più importanti del paese come piazze, rotatorie. Ma il tutto non finisce qui perché «altri inserimenti lavorativi a carattere sociale sono stati fatti per i diversamente abili», attraverso la ditta sangavinese Eurogest che ha in appalto il servizio della raccolta dei rifiuti solidi urbani e della pulizia delle strade. «Ci saranno diverse persone», rimarca Paolo Onnis, «che a turni di quattro si occuperanno dello spazzamento delle strade. Le zone andranno concordate con noi amministratori. Si tratta di un servizio nuovo: come amministrazione comunale abbiamo aperto un rapporto nuovo di collaborazione con questa impresa».

GUERRA APERTA In questo modo si vuol combattere anche una guerra aperta contro chi continua a inquinare. «In questo senso», aggiunge l’assessore all’Ambiente, «partiremo con una campagna di educazione ambientale. Ci saranno dei messaggi precisi di sensibilizzazione, mentre a breve in tutto il paese saranno messi nuovi raccoglitori per i rifiuti, in particolare anche contenitori per le cicche di sigaretta, per le batterie, per il toner e cartucce esauste. Ci saranno distributori di bustine per la raccolta degli escrementi degli animali. Tutto questo avverrà in zone strategiche del paese».

L’OBIETTIVO Inoltre l’obiettivo è anche quello di riuscire ad avere un migliore controllo del territorio grazie alla recente istituzione della compagnia baraccellare (il nuovo comandante Antonio Frongia è stato nominato da pochissimo tempo), mentre è in fase di costituzione una sezione locale di un gruppo volontariato nazionale che si occupa di temi ambientali.

COORDINAMENTO «Ci sarà un coordinamento anche con il volontariato, le forze dell’ordine e i vigili urbani. Purtroppo la maleducazione è ancora forte: di recente è stata trovata una discarica di gomme d’auto usate. Penso che qualche gommista sia arrivato con un camioncino e le abbia scaricate. In giro c’è ancora molta maleducazione. Il problema verrà attenuato nei prossimi mesi con la realizzazione di un centro raccolta per i rifiuti nella zona artigianale. I cittadini potranno conferire l’immondezza a qualsiasi ora».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di Lunedì 04 gennaio 2010

Lascia un commento