Carnevale Storico Sangavinese 2019
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Fonderia chiusa, Municipio occupato dai dipendenti

Manifestazione in Piazza Marconi

Manifestazione in Piazza Marconi

Adesso basta con le chiacchiere, ci vogliono fatti concreti. È questo quanto chiedono i dipendenti della fonderia, che fa capo alla Portovesme Srl, in cassa integrazione da quasi un anno e che aspettano di poter rientrare a lavoro nello storico stabilimento aperto il 10 giugno del 1932. Ma all’orizzonte si prospetta un altro anno di cassa integrazione: ecco perché di fronte a questa situazione i dipendenti hanno deciso di occupare in modo pacifico l’aula consiliare del Comune di San Gavino. «Chiediamo – rimarca Roberto Basciu, rappresentante sindacale della Fiom Cgil – alle forze politiche e alle forze sociali territoriali, regionali e nazionali, il sostegno e l’attenzione alle problematiche che noi dipendenti e lo stabilimento stiamo vivendo, soprattutto in considerazione del fatto che a San Gavino operano, tra diretti e indiretti, circa 110 lavoratori dal giugno scorso con una cassa integrazione a zero ore prevista per un anno».

Dopo l’accordo con la Regione per la costruzione della centrale eolica e la concessione di energia a tariffe agevolate, tutto lasciava pensare ad una prossima riapertura dello stabilimento. «Con la soluzione di queste grandi vertenze di cui l’azienda ha sempre fatto il proprio cavallo di battaglia – aggiunge Antonello Corona, della Fsm Cisl – ci aspettavamo una graduale procedura per il completo riavvio degli impianti nei tempi tecnici previsti. Invece con un comunicato firmato dall’amministratore delegato unico, Carlo Lolliri, l’azienda ci ha comunicato che a causa della condizioni di mercato non favorevoli, l’intera linea del piombo necessita di un ulteriore prolungamento della cassa integrazione straordinaria per un altro anno».
Da parte di dipendenti della fonderia c’è il dubbio che l’azienda non abbia un interesse al riavvio della produzione: «Siamo fortemente convinti che un impianto rimasto inattivo per due anni – evidenzia Anselmo Collu della Uilm – abbia grosse difficoltà al riavvio per motivi tecnici ed economici. È possibile per i 110 dipendenti ottenere per due anni la cassa integrazione lasciando il proprio destino alla solita frase che l’amministratore delegato della Portovesme Srl continua a proporre nelle varie comunicazioni con i lavoratori: Lo stabilimento riaprirà quando ci saranno le condizioni di mercato favorevoli . E se queste non si verificheranno, noi cosa faremo visto che per decenni abbiamo sempre lavorato in fonderia?».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di Giovedì 11 marzo 2010

Lascia un commento