#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Cagliari-San Gavino: completati i lavori per il doppio binario

Finita l’era del binario unico. Treni più veloci e più sicuri con l’eliminazione di numerosi passaggi a livello nei centri.
Sei anni di lavori, 220 milioni: l’ultimo tratto completato ieri mattina a Samassi. Svolta per i viaggi in treno: 55 chilometri col doppio binario.

Il doppio binario

Il doppio binario

Più sicurezza e puntualità e treni che si incrociano senza doversi attendere l’uno con l’altro. Non sarà certo l’alta velocità, ma un bel passo verso trasporti su rotaia più moderni ed efficienti sicuramente. La linea Cagliari-San Gavino da ieri saluta il completamento del raddoppio dei binari. Ventinove marzo 2010: la data è di quelle da ricordare.
A Samassi, nel tratto in prossimità della stazione, sono infatti terminati i lavori per la sistemazione del doppio binario. Era il tassello che mancava, nel progetto della tratta Decimomannu-San Gavino Monreale. Trentanove chilometri (da Decimo a San Gavino) che portano a 55 i chilometri di linea a doppio binario tra Cagliari e San Gavino: 30 passaggi a livello eliminati, 220 milioni di euro di investimento.
Ecco i numeri dell’operazione raddoppio, cominciata alla fine del 2004, realizzata da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Fs), «nel quadro del più ampio progetto di rinnovamento e razionalizzazione della rete ferroviaria della Sardegna».
A Villasor, Serramanna, Samassi e San Gavino i lavori per la realizzazione del doppio binario sono stati accolti come un’opera fondamentale, anche se non tutto e filato liscio come l’olio.

PROTESTE A Serramanna (dove è sorto anche un Comitato che proponeva lo spostamento dei binari fuori del centro abitato) la scelta di mantenere il doppio binario nella sede originaria è stata contestata duramente. Le proteste, alla fine, sono rientrate e i lavori sono proseguiti spediti. I 39 chilometri di nuove linee si aggiungono ai 16 già esistenti fra Cagliari e Decimomannu. Con i nuovi binari, eliminati gli incroci fra i treni nelle stazioni e 30 passaggi a livello.

LE OPERE Soddisfatti i vertici di Rfi: «Questo consente di raddoppiare la potenzialità della linea e di aumentare sensibilmente la velocità dei convogli». I passaggi a livello sono stati sostituiti da 16 cavalcaferrovia e 6 sottovia. E per ricucire, e riunire i territori orfani dei passaggi a livello ecco otto nuovi ponti in cemento e acciaio. Nei comuni di Villasor, Serramanna, Samassi e San Gavino sono state realizzate 4 nuove circonvallazioni stradali, per il raccordo delle opere sostitutive dei passaggi a livello con la viabilità esistente. In tutte le stazioni interessate dai lavori di raddoppio sono stati realizzati 4 nuovi sottopassi pedonali e un sovrappasso e adeguati gli impianti alle normativa sul superamento delle barriere architettoniche: marciapiedi alti (per facilitare l’entrata e l’uscita dai treni), rampe di accesso, percorsi tattili per i non vedenti. I lavori strutturali, relativamente alle circonvallazioni e ai sottopassi, sono ancora in fase di realizzazione.

SCAVI È il caso di Serramanna, dove gli scavi per il tunnel della stazione di via Matteotti sono accompagnati da qualche lamentela dei residenti che protestano per i disagi. Tra Cagliari e San Gavino il doppio binario perfetto è comunque realtà. «Le stazioni di Villasor, Serramanna, Samassi e Sanluri sono state collegate al nuovo sistema di controllo del traffico dal Posto centrale di Cagliari», dicono ancora da Rete Ferrovie Italia. Novità anche nella nuova stazione di San Gavino Monreale che diventa punto di intercambio ferro-gomma. Un cambiamento che, secondo Rfi, «contribuirà ad alleggerire il traffico viario in entrata e in uscita da Cagliari».

Fonte: Ignazio Pillosu, Unione Sarda di Martedì 30 marzo 2010

Lascia un commento