#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Nuova fognatura, melma nelle case

Condotte troppo strette e spesso intasate: proteste in Comune. Le famiglie residenti in via Santa Severa alle prese con gli allagamenti.
Sotto accusa i lavori di rifacimento delle tubazioni. Con le piogge, saltano i tombini e i liquami si riversano nei cortili e nelle abitazioni.

Basta un’ora di pioggia a trasformare un buon tratto di via Santa Severa in un lago e in una fogna a cielo aperto. L’acqua piovana è ormai diventata un incubo per non meno di sei famiglie che si ritrovano gli scantinati e i cortili invasi dalla melma.

L’ACCUSA Piero Zedda, imprenditore edile che da anni combatte per la risoluzione del problema: «Tre anni fa sono stati fatti i lavori per il rifacimento della pavimentazione stradale in granito con la sistemazione di una nuova rete idrica fognaria che ha diviso le acque bianche da quelle nere. Da allora, dopo un’ora di pioggia, la tubazione non funziona più e l’acqua fuoriesce sulla strada e i nostri cortili sono invasi dalle acque nere e dagli escrementi. C’è anche chi ha uno scantinato tra i vicini ed ogni volta si ritrova 70-80 centimetri di melma».
Di qui le proteste in Comune: «Nel 2007 – sottolinea Zedda – siamo andati subito a lamentarci con l’allora sindaco e con il responsabile dell’ufficio tecnico. L’impresa di Sant’Antioco che ha eseguito i lavori ha fatto un sopralluogo sostenendo che il problema era dovuto alla presenza di qualcosa che ostruiva il passaggio dell’acqua». Sembra una giacca, finita non si sa bene come nella condotta che veniva così facilmente intasata.

PIOGGE Tuttavia con l’arrivo di nuove piogge il problema si è ripresentato: «La ditta – evidenzia Piero Zedda – è intervenuta quattro volte senza risolvere niente. All’inizio dell’inverno sono andato in Comune dalla nuova amministrazione ed ho parlato con il sindaco Gianni Cruccu e l’assessore ai lavori pubblici Bruno Deidda, ma non è stato fatto ancora un intervento risolutivo. Il fatto è che ora le tubature sono più strette rispetto a prima. Il tubo che aveva 50 centimetri di diametro è stato sostituito da altri due da 20 e da 25 centimetri. La larghezza dei tubi non è sufficiente e probabilmente sono state rilevate delle quote non idonee. Abito in via Santa Severa dal 1967 ma non avevo mai avuto questi problemi. Come cittadino mi chiedo: chi pagherà questi danni? Quando lavoravo con la mia impresa nei casi in cui i lavori non erano eseguiti bene dovevamo pagare una penale mentre in questo caso sembra che non ci siano responsabilità. Inoltre anche il granito è stato posizionato male: molti dei lastroni sono rotti». Inoltre la stessa rotonda che si trova poco distante non è stata centrata bene: «È successo – racconta Zedda – che le colonne di granito siano state buttate giù quattro volte dai camion».

Lascia un commento