#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Spiagge sporche, tolleranza zero in Costa Verde

In Costa Verde tornano le «isole ecologiche»: dieci interventi illustrati in Comune per eliminare la piaga di «sacchetto selvaggio». Previste anche multe salate a chi non rispetta le regole della raccolta differenziata. Nel servizio saranno impiegati anche i lavoratori ex Scaini.

Rifiuti

Rifiuti

Dieci obiettivi nel mirino dei nuovi amministratori di di Arbus per combattere le discariche abusive sulla Costa Verde. Ritornano le isole ecologiche; multe dai 25 ai 500 euro per chi abbandona i sacchetti e per chi bara nella differenziata; squadre di 007 con ispettori ambientali, vigili urbani, agenti in borghese, guardie giurate dei condomini, lavoratori ex Scaini; occhi elettronici nei siti più a rischio; operatori turistici obbligati a sensibilizzare ed informare i loro clienti; un patto con l’Arst di Guspini e la ditta Mereu viaggi di Pabillonis per consegnare ai passeggeri del mare un kit con opuscoli informativi e buste biodegradabili; nuovo bando di gara per la gestione del porta porta. E, infine, nei bar e negli stabilimenti balneari andrà in onda- e sarà martellante- uno spot per richiamare i bagnanti al rispetto dell’ambiente.

SENZA RISPARMIO Insomma, una vera e propria guerra aperta e senza risparmio di energie per cercare di far salire gli indici della raccolta differenziata e fermare le discariche. Un Piano di emergenza, illustrato ieri mattina, nella sala giunta del Comune. «Le nostre spiagge più pulite», ha esordito il sindaco Franco Atzori, «saranno il frutto di una collaborazione tra Comune, Provincia e tutte le forze coinvolte, in quanto ciascuno dovrà svolgere la sua parte. Prevenire e reprimere gli abusi, contribuirà sicuramente a stanare gli incivili; tuttavia penso che l’arma vincente per combattere l’immondezza ed il conferimento, fuori dagli orari stabiliti dal calendario, sia l’attenzione dei cittadini onesti e corretti nel segnalare i casi di violazione di leggi e di regolamenti».
Per l’assessore ai servizi tecnologici, Paolo Salis, «la tolleranza è finita. Dopo i consigli con tono amichevole, dopo qualche sanzione nei casi più eclatanti, è ora arrivata la linea dura. La nostra non è repressione, chiediamo solo il rispetto delle regole». Perentorio il comandante della polizia municipale, Iose Simbula: «Dal primo luglio al 30 settembre, provvederemo ad accertare e sanzionare senza esitazione tutti gli illeciti», ha dichiarato con determinazione.

NOVITÀ «Attraverso un costante monitoraggio, impediremo anche gli ultimi isolati e sporadici episodi di inciviltà. L’aiuto dei cittadini rispettosi del territorio, che sono la stragrande maggioranza, sarà fondamentale per arginare la piaga della spazzatura che ormai ci tormenta l’estate da due anni». La novità 2010 è anche l’ambizioso progetto “Sostenibilità ambientale», finanziato dalla Regione con 50 mila euro e portato avanti dal Centro di educazione ambientale Zampa verde che, con la presidente Beatrice Soddu, ha realizzato magliette e cappellini con slogan educativi che indosseranno gli operatori di “Spiagge pulite”.

Fonte: Santina Ravì, Unione Sarda di Giovedì 01 luglio 2010

Lascia un commento