25.5 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Giugno 3 2020

Un’alba sonora per lo show dell’elettronica

Da leggere

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Dj Set
Dj Set
Quando partono le prime note del set iniziale del festival il sole non è ancora sorto. Sono appena le cinque del mattino e la musica, quella di Dubmode, ovvero Michele Casanova dei Signorafranca, è ancora suonata ad un volume molto basso, con la consolle illuminata da un faretto sistemato di fronte. Il pubblico inizia ad arrivare a piccoli gruppi e a stendersi sulla sabbia, ancora fresca, delle dune di Torre dei Corsari a Sant’Antonio di Santadi, nelle vicinanze di Arbus, in una delle spiagge più belle e incontaminate della Costa Verde.
È stato un happening insolito quello di Obrèscida, organizzato dall’associazione TempuNou del collettivo Nootempo, a cura di Quilo, Arrogalla e Claudia Carreras, e svoltosi a cavallo tra sabato notte e domenica mattina, dalle cinque fino alle nove. Un’alba musicata in mezzo alla sabbia di alcune tra le dune più vaste della Sardegna, in cui musica e natura si sono compenetrati a vicenda, in un’atmosfera intima e rilassata resa possibile dal numero di partecipanti piuttosto contenuto, volutamente contenuto, dalla sensibilità dei musicisti che sono riusciti a interpretare il mood delle prime luci dell’alba, e da una location stupenda che si faceva per la prima volta sfondo di un evento legato alla musica elettronica.
Il festival, organizzato in collaborazione anche con Gaetano Filice dell’Hotel Sabbie d’Oro, è stato un esperimento pilota che serviva come banco di prova per riuscire a portare i live electronics in contesti simili anche in futuro, nell’assoluto rispetto dell’ambiente circostante. Esperimento riuscito anche grazie al fatto che, musicalmente, si sono alternati alcuni dei producer e progetti elettronici più interessanti nati in Sardegna negli ultimi anni.

Le prime luci dell’alba sono state sonorizzate dal producer sassarese Ganga, che si è prodotto in un set molto più tranquillo del solito (molto adatto, diciamo, all’orario in cui si è svolto) con turntable e laptop inglobando ambient, downtempo e trip-hop. Menion, chitarrista dei Muccamacca, ha portato un set per chitarra e laptop con un uso moderato della voce, tra decostruzioni post e folktronica. Poi Neeva, producer cagliaritano che colleziona sampler su beat strascicati e un suono pulsante che muove dall’hip hop astratto verso ritmi downtempo. Il duo Bentesoi ha rielaborato il suo live per l’occasione: la Carreras ha cantato inginocchiata sulla sabbia mentre Arrogalla produceva beat sporchi, come immersi in una nebbiolina lo-fi, e un suono di matrice dub. Mantaraffu, ovvero Marcello Cualbu dei Signorafranca, si è prodotto nella performance più sperimentale e scura, mentre il duo dei Plastik Kettle ha virato verso un electro-pop fortemente in debito con gli eighties. Gli Everybody Tesla hanno presentato il live più tirato, tra aperture dancefloor, melodie pop e un uso giocoso di strumenti autocostruiti, synth, kaoss pad e voci. E poi Paolo Indeo, ragazzo di San Gavino che si è affacciato da poco nel mondo delle produzioni musicali con un suono di matrice deep-house. Alla fine di tutto, come era naturale, colazione di gruppo e bagno al mare tutto il giorno.

Fonte: Andrea Tramonte, Unione Sarda di Lunedì 05 luglio 2010

Altri articoli

Ultime News

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...