Carnevale Storico Sangavinese 2019
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

A tu per tu Provincia e sindacati sulle vertenze industriali ancora aperte

Incontro per cercare un’intesa sugli interventi

Trovare un’intesa e riempire di contenuti la legge quadro della Regione. E’ quanto chiedono le segreterie della Cgil, Cisl e Uil del Medio Campidano alla nuova giunta provinciale. Avantieri si è tenuto il primo confronto per un esame generale della situazione socio-economica, dello stato dei servizi e più in generale delle prospettive di sviluppo nel territorio. Un incontro, peraltro, voluto anche dal presidente della Provincia Fulvio Tocco in preparazione delle linee programmatiche da esporre al Consiglio provinciale ai primi di settembre e che saranno precedute da una serie d’incontri con le istituzioni, le associazioni di categoria e, appunto, con i sindacati. «Ormai – ha affermato Efisio Lasio, segretario generale della Cgil provinciale – i tempi sono maturi per definire accordi e programmi. Insieme dobbiamo concretizzare le azioni per dare sviluppo ai settori dell’agroalimentare, del turismo, dell’artigianato e dei servizi».

Manifestazioni sindacali

Manifestazioni sindacali

Sul tavolo sono state messe tutte le vertenze in atto nel territorio: Keller, Fornaci Scanu, Ceramica Mediterranea, Fonderia, Centro di riabilitazione Santa Maria Assunta e tante altre piccole realtà industriali. «Dobbiamo predisporre una piattaforma delle emergenze, ma anche formulare delle proposte per aiutare il mondo produttivo in grande affanno», ha sottolineato Edoardo Bizzarro, segretario provinciale della Cisl. Sono intervenuti anche Caterina Cocco e Gigi Marchionni della Cgil e Giuseppe Ledda della Cisl e gli assessori Fernando Cuccu, Michele Cuccui, Nicola Garau e Simona Lobina.

Fulvio Tocco ha precisato che «una parte significativa di risorse finanziarie della provincia sarà indirizzata a sostenere l’economia e lo sviluppo delle imprese agricole e artigianali, settori imprescindibili anche per una crescita turistica del territorio».

Fonte: Gian Paolo Pusceddu, Unione Sarda di Venerdì 23 luglio 2010

Lascia un commento