8.9 C
San Gavino Monreale
domenica, 29 Marzo 2020

A Ferragosto incendio doloso a Torre dei Corsari: tre auto incendiate nella notte

Da leggere

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 18.396 € dopo 5 giorni

Dopo 5 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 18.396 euro grazie alla donazione...

Conte: 4 miliardi per i Comuni Italiani e 400 milioni ai Sindaci per la “spesa solidale”

"Lo Stato c'è". Così il Premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa delle ore 19:30 di oggi 28 marzo 2020.

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 530 a 624 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Patenti, revisioni e carte di circolazione: tutte le proroghe del Ministero dei Trasporti

Il Ministero dei Trasporti, per ovviare all'impossibilità di rinnovare patenti, revisioni ed altri documenti legati al mondo degli spostamenti individuali e del...

Il raid nella borgata marina poco lontano da un bar-discoteca: sospetti su tre giovani
I carabinieri indagano sull’attentato incendiario. La benzina sarebbe stata sparsa sull’auto di un commerciante, le fiamme poi si sarebbero estese ad altre due vetture parcheggiate vicino. Evacuate nella notte alcune case della zona.

Roghi nella notte a Torre dei Corsari
Roghi nella notte a Torre dei Corsari
Si era da poco spento, sulla spiaggia di Torre dei Corsari, il bagliore dei fuochi artificiali di Ferragosto, quando, intorno alle tre e quarantacinque, gli incendiari sono entrati in azione nel centro urbano del borgo marino. Il bilancio è di tre automobili andate completamente distrutte dalle fiamme.

IL RAID Le strade laterali al discobar “La Kambusa”, dove era in corso una serata danzante, sono scarsamente illuminate, le auto parcheggiate l’una vicino all’altra. Gli incendiari hanno cosparso di benzina una Renaul Clio e appiccato le fiamme. In pochi minuti l’auto, di proprietà di Alessandro Raccis, 34 anni, commerciante di Arbus, si è trasformata in un rogo. Le fiamme si sono propagate ad una Lancia Y10 e a una Toyota Yaris, di proprietà di due giovani di Villacidro. Tutte e tre le macchine sono andate completamente distrutte.

IL MOVENTE Il messaggio è ancora da decifrare, l’unica certezza per ora è che l’incendio è di natura dolosa. Il destinatario delle minacce (o della vendetta?) era sicuramente il commerciante. Alessandro Raccis è stato subito interrogato dai carabinieri che ora si stanno occupando delle indagini partendo dal fatto che il commerciante non avrebbe ricevuto minacce e non si aspettasse alcuna vendetta.

I SOSPETTI Alcuni testimoni, che poi hanno chiamato il 115 dei Vigili del fuoco, hanno visto tre giovani, tra cui una ragazza bionda, appiccare il fuoco alla Renault Clio e poi scappare. Le fiamme hanno avvolto in pochi secondi anche le altre due auto parcheggiare vicine, diventando un unico rogo. L’incendio si è quindi propagato agli alberi del giardino della villetta adiacente. I bagliori si vedevano a distanza.

CASE EVACUATE I carabinieri della caserma stagionale di Torre dei Corsari, giunti sul posto, pochi minuti dopo, per precauzione hanno immediatamente fatto evacuare tutte le abitazioni circostanti in attesa dei Vigili del fuoco. Tra i residenti ci sono stati momenti di panico. Alcuni di loro erano già a letto e sono stati svegliati dai militari che li hanno invitati a lasciare la casa. Quando sul posto sono arrivati i Vigili del fuoco le tre auto erano ormai completamente distrutte. Non è rimasto altro da fare che bonificare l’area interessata dall’incendio.

LE INDAGINI Ai militari spetta ora il compito di risalire agli autori dell’attentato. Ma le indagini non si presentano facili. Chi l’altra notte ha cosparso di liquido infiammabile l’auto di Alessandro Raccis non ha avuto esitazioni: ha colpito nel bel mezzo della festa di ferragosto e in quel momento, pur essendo circa le quattro del mattino, le strade del borgo marino erano ancora affollate. Torre dei Corsari è sempre stata una località marina tranquilla. Fatta eccezione di qualche lite tra ubriachi non si era mai verificato un episodio così grave.

Fonte: Gian Paolo Pusceddu, Unione Sarda di Martedì 17 agosto 2010

Altri articoli

Ultime News

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 18.396 € dopo 5 giorni

Dopo 5 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 18.396 euro grazie alla donazione...

Conte: 4 miliardi per i Comuni Italiani e 400 milioni ai Sindaci per la “spesa solidale”

"Lo Stato c'è". Così il Premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa delle ore 19:30 di oggi 28 marzo 2020.

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 530 a 624 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Patenti, revisioni e carte di circolazione: tutte le proroghe del Ministero dei Trasporti

Il Ministero dei Trasporti, per ovviare all'impossibilità di rinnovare patenti, revisioni ed altri documenti legati al mondo degli spostamenti individuali e del...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 16.369 € dopo 4 giorni

Dopo 4 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 16.369 euro grazie alla donazione...