19.7 C
San Gavino Monreale
sabato, Giugno 6 2020

Ostaggi del treno troppo veloce

Da leggere

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

“Il Servizio di Diabetologia resta a San Gavino”

La battaglia per scongiurare il trasferimento del Servizio di Diabetologia da San Gavino Monreale a Sanluri compie un importante passo in avanti,...

Coronavirus, due nuovi casi a San Gavino Monreale

Due nuovi casi di positività al coronavirus nel Sud Sardegna: questo quanto emerso nel nuovo bollettino diramato dalla Protezione Civile alle 17:00....

San Gavino, 100 mila euro per le partite IVA

Durante la seduta del Consiglio Comunale del 4 giugno 2020 è stato annunciato che il Comune di San Gavino Monreale è riuscito...

Disavventura di 12 passeggeri costretti a scendere a Decimomannu

Disservizi Trenitalia
Disservizi Trenitalia
Non bastano i disservizi, ora ci si mette anche il personale a creare gravi disagi ai passeggeri delle Ferrovie dello Stato. Vittima della disattenzione di un controllore, un gruppo di dodici persone, tre di Guspini e nove di Arbus, che invece di fermarsi e quindi scendere a San Gavino, come prevedeva la corsa, è stato costretto a farlo a Decimomannu. Il fatto è accaduto giovedì pomeriggio scorso sul treno n. 3957, con partenza da Olbia alle 14,08 e arrivo previsto a San Gavino alle 17,35.

«Stavamo tornando a casa dopo una settimana di vacanza. Quindi tutti avevamo un bel po’ di bagaglio. Poco prima della fermata a San Gavino l’abbiamo posizionato in fila indiana lungo il corridoio. È passato il controllore, una signora in servizio da Oristano, che nel controllare il biglietto si è lamentata per come avevamo messo le borse», racconta Mauro Ortu, uno dei dodici viaggiatori. «Eravamo tutti e dodici in piedi pronti a scendere a San Gavino, ma la fermata è stata così breve che nessuno di noi è riuscito a scendere. Si può dire che ci hanno chiuso la porta in faccia», aggiunge il viaggiatore.
Il treno ha proseguito la corsa fino a Decimomannu, successiva fermata. «È stato il controllore a non darci la possibilità di scendere. Eppure ci aveva visto in piedi pronti a scendere. Il suo comportamento, incomprensibile, ci ha danneggiato», si lamenta Marco Ortu. Al gruppo non è rimasto altro da fare che andare dal capostazione a lamentarsi del trattamento avuto. «Quando abbiamo protestato, il capostazione ci ha fatto notare che il treno era in anticipo di due minuti sull’orario previsto».

Tutto ciò ha creato notevoli disagi ai dodici passeggeri. «Io ho dovuto chiedere a mio cognato di venirci a prendere a Decimomannu. Gli amici di Arbus hanno dovuto far dirottare il pullmino che avevano noleggiato con spese in più», aggiunge Mauro Ortu, che ha presentato una formale protesta alle Ferrovie dello Stato.

Fonte: Gian Paolo Pusceddu, Unione Sarda di Martedì 14 settembre 2010

Altri articoli

Ultime News

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

“Il Servizio di Diabetologia resta a San Gavino”

La battaglia per scongiurare il trasferimento del Servizio di Diabetologia da San Gavino Monreale a Sanluri compie un importante passo in avanti,...

Coronavirus, due nuovi casi a San Gavino Monreale

Due nuovi casi di positività al coronavirus nel Sud Sardegna: questo quanto emerso nel nuovo bollettino diramato dalla Protezione Civile alle 17:00....

San Gavino, 100 mila euro per le partite IVA

Durante la seduta del Consiglio Comunale del 4 giugno 2020 è stato annunciato che il Comune di San Gavino Monreale è riuscito...

Allerta meteo gialla fino a mezzogiorno del 5 giugno 2020

Il Centro Funzionale Decentrato di Protezione Civile, in data odierna, ha emesso a partire dalle ore 15:00 del 04.06.2020 e sino alle 11:59...