#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Stage ed esperienze lavorative: così la scuola guarda al futuro

Non solo libri, ma anche esperienze di “stage” e lavoro. È questa la filosofia vincente che si segue al liceo pedagogico e linguistico “Lussu”. I risultati sono concreti e si vedono con un incremento della motivazione allo studio da parte delle ragazze coinvolte.
Il primo progetto, che si è svolto con successo negli scorsi anni seguito dalla docente referente Annarosa Corda e dalle insegnanti tutor Mariangela Ortu e Barbara Pinna, ha offerto agli studenti la possibilità di fare la guida turistica nei musei. I risultati raggiunti sono ottimi. Adesso si parte con l’iniziativa “Sperimentarsi per crescere” che permette alle studentesse della terza BP di svolgere uno stage presso il Cesil (lo sportello Informagiovani) e il centro sociale del Comune. Il referente del progetto è Gennaro Pinna mentre la professoressa Silvia Zucca è il tutor formativo. Tutor aziendale per il Comune è la pedagogista Gabriella Porcu.

Sono significativi anche i luoghi scelti per le visite guidate: si tratta di strutture impegnate nella fornitura di servizi a soggetti svantaggiati o situazioni di sofferenza e disagio come la comunità “La Collina” di Serdiana, il carcere minorile di Quartucciu, la Comunità “Mondo X Sardegna” in località “Campu e’luas”, il centro Giovani di Cagliari e la comunità di Soleminis. «Durante tutte le visite – spiega Gennaro Pinna – hanno avuto luogo assemblee con il responsabile della struttura, gli operatori e gli ospiti. L’esito del percorso è stato decisamente soddisfacente in quanto i risultati attesi in sede di progettazione hanno ottenuto pieno e concreto riscontro in sede di realizzazione. Tutti i principali obiettivi prefissati hanno avuto esito positivo. In particolare i docenti del consiglio di classe hanno registrato la presenza negli allievi di nuove e più forti motivazioni per il vissuto scolastico nel suo complesso ed una maggiore disponibilità a cimentarsi e impegnarsi in nuovi apprendimenti».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di Mercoledì 06 ottobre 2010

Lascia un commento