17.5 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Aprile 8 2020

Cassazione: niente limiti per gli autovelox

Da leggere

[Breaking News] Ecco come saranno i Buoni Spesa comunali

In anteprima assoluta, vi mostriamo come saranno i Buoni Spesa comunali che serviranno per tamponare le situazioni di difficoltà economica da parte...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 935 a 975 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Diretta streaming del Consiglio Comunale – 8 aprile 2020 ore 16:30

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per il giorno 08/04/2020 alle...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: superata quota 30.000 €

La Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 30.739 euro grazie alla donazione di 451 persone.

La Polizia Municipale può piazzare i rilevatori dove meglio crede, senza obbligo di segnalazione.

Autovelox
Autovelox
La seconda sezione civile della Corte di Cassazione ha in sostanza dato carta bianca agli agenti di Polizia Municipale per quanto riguarda il posizionamento degli autovelox: secondo la sentenza 21091/10 non è necessario segnalarne la presenza, a patto che gli apparecchi siano gestiti direttamente dai vigili.

È questo l’epilogo del ricorso di Umberto G., multato a Stignano (in provincia di Reggio Calabria) perché colto da un rilevatore a superare il limite di velocità. Il tribunale di Locri aveva in un primo tempo annullato la sanzione perché l’apparecchiatura era posizionata “su un tratto di strada non menzionato in decreto prefettizio“.
Il Comune si è successivamente opposto all’annullamento e ora la Cassazione gli ha dato ragione: se è la Polizia Municipale a gestire direttamente l’autovelox e non ha appaltato il tutto a privati, questo può essere piazzato dovunque.

I giudici della Cassazione hanno respinto anche l’altra obiezione avanzata dagli avvocati di Umberto G.: sostenevano che fosse necessaria l’omologazione di ogni singolo autovelox, e quello usato per registrare l’infrazione non ne era in possesso. La Suprema Corte ha sentenziato che l’omologazione non deve essere applicata su ogni singolo esemplare ma riguarda invece il modello depositato nelle sedi ministeriali cui i vari apparecchi si conformano.

Fonte: ZEUS News del 13-10-2010

Altri articoli

Ultime News

[Breaking News] Ecco come saranno i Buoni Spesa comunali

In anteprima assoluta, vi mostriamo come saranno i Buoni Spesa comunali che serviranno per tamponare le situazioni di difficoltà economica da parte...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 935 a 975 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Diretta streaming del Consiglio Comunale – 8 aprile 2020 ore 16:30

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per il giorno 08/04/2020 alle...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: superata quota 30.000 €

La Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 30.739 euro grazie alla donazione di 451 persone.

INPS e indennità Covid-19, attenzione alle truffe via SMS

L’INPS, mediante una nota urgente, informa i propri utenti che si sono nuovamente verificati sospetti tentativi fraudolenti di richiesta di dati sensibili,...