10.7 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Aprile 1 2020

Agricoltore aggredito dalle vespe

Da leggere

Il Sindaco Carlo Tomasi su San Gavino Monreale . Net

In esclusiva per il sito San Gavino Monreale . Net, le risposte del Sindaco Carlo Tomasi alle nostre domande in questi giorni...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 25.356 € dopo 9 giorni

Dopo 9 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 25.356 euro grazie alla donazione...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale al 1 aprile 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 722 a 745 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Vespa
Vespa
Nuova aggressione di vespe stavolta nelle campagne di San Gavino. Dopo aver causato due vittime in pochi giorni e diversi ricoveri in tutta la Sardegna, l’allarme è scattato nel Medio Campidano. Uno sciame si è dislocato nella periferia del paese, a circa 150 metri dell’ospedale, a ridosso del nuovo ponte che collega la stazione ferroviaria con la strada che conduce a Sardara. L’episodio è accaduto lo scorso lunedì, vittima un pensionato di San Gavino, O.P.: fortunatamente se l’è cavata con una flebo di cortisone e antistaminici perché non allergico, nonostante l’avessero punto una ventina di volte su tutto il corpo.

Come ogni mattina, intorno alle 7, 30 passeggiava nel suo terreno sopra l’erba secca, con l’intenzione di piantare i bulbi di zafferano: è un rito, per il tipico sangavinese che possiede un pezzo di terreno è piantare, in questo periodo, i bulbi per la prossima fioritura. Mentre si godeva ancora l’oscurità e il fresco mattutino, un’improvviso sciame di vespe è sbucato da sotto terra, lo ha assalito e avvolto in tutto il corpo, in particolare nel volto. «Ne avevo dappertutto – spiega la vittima – sono riuscite ad entrare persino dentro il giubbino colpendo diverse zone delle spalle. La paura è aumentata quando hanno cominciato a pungermi in bocca, nelle orecchie, nel naso. Da lì sono fuggito in macchina e mi sono diretto di corsa al pronto soccorso dove i medici hanno provveduto alle cure necessarie.»

Fonte: Marcella Pistis, Unione Sarda di Sabato 23 ottobre 2010

Altri articoli

Ultime News

Il Sindaco Carlo Tomasi su San Gavino Monreale . Net

In esclusiva per il sito San Gavino Monreale . Net, le risposte del Sindaco Carlo Tomasi alle nostre domande in questi giorni...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 25.356 € dopo 9 giorni

Dopo 9 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 25.356 euro grazie alla donazione...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale al 1 aprile 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 722 a 745 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Coronavirus, in Sardegna picco di contagi nelle prime due settimane di aprile?

Il numero di contagiati dal coronavirus in Sardegna è in crescita soprattutto a causa dei focolai negli ospedali e nelle case di...