Trattorando 2019
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Scaricabarile sulla rissa al Felix

Scaricabarile sulla mega-rissa. Birra contesa? Versioni diverse dai 5 imputati. Il processo giovedì: l’ipotesi più accreditata è che la lite sia scoppiata per banalissimi motivi.
La baraonda è scoppiata verso le sei di domenica mattina nel piazzale antistante la discoteca “Felix”, nell’area artigianale di Guspini, al termine di una nottata di baldoria. Uno dei giovani è stato ferito gravemente alla gola.

Rissa in discoteca a Guspini: giovane grave, cinque arresti

Rissa in discoteca a Guspini: giovane grave, cinque arresti

Si terrà giovedì il processo a carico di tre dei cinque giovani coinvolti domenica mattina in una rissa davanti alla discoteca Felix di Guspini. Andrea Figus, operaio, Matteo Figus, cameriere, e Diego Paderi, studente, tutti ventenni, di San Gavino e difesi dall’avvocato Stefano Altea, sono accusati di rissa aggravata. Della stessa imputazione devono rispondere Alessio Montis, 20 anni, di San Gavino (tutelato dal legale Silvia Boggio), e Filippo Bido, ventiduenne, muratore di Terralba, che dovrà rispondere anche di lesioni aggravate. La posizione di questi ultimi due è stata stralciata in quanto entrambi si trovano ricoverati in ospedale per le ferite riportate nella colluttazione e quindi non possono essere presenti all’udienza di giovedì.

MISTERI Sulla vicenda i carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Villacidro e i colleghi di Guspini hanno concluso le indagini, ma ancora non è stato accertato quali siano state le vere cause che hanno dato origine alla rissa: i cinque contendenti hanno dato una versione differente l’una dall’altra. Alcuni lati oscuri della vicenda probabilmente emergeranno nel processo.

LA BARAONDA La rissa è scoppiata verso le sei di domenica mattina nel piazzale antistante la discoteca “Felix”, nell’area artigianale di Guspini, al termine di una nottata di baldoria. Secondo gli accertamenti dei militari, una decina di giovani – tutti in evidente stato di ubriachezza – scherzavano tra loro. Chi si spingeva, chi urlava. Qualcuno rinfacciava al vicino di aver “scroccato” qualche birra senza aver restituito l’invito. Solo toni elevati, niente più. All’improvviso però si è scatenato un parapiglia per la comparsa di una bottiglia di birra che Filippo Bido avrebbe preso dalla sua auto parcheggiata a poca distanza. Da questo momento le versioni dei presenti sono discordanti.

LA FERITA La più accreditata è che i quattro giovani di San Gavino abbiano cercato di impossessarsi della birra che Bido teneva in mano. In quel momento sarebbe nato il parapiglia. Il giovane di Terralba è caduto, la bottiglia si è frantumata e nel rialzarsi il ragazzo, che ancora aveva in mano il collo della bottiglia, ha ferito Alessio Montis. Per soli due centimetri non é stata colpita la vena giugulare: ci sarebbero potute essere conseguenze drammatiche.

I SOCCORSI Trasportato con un’ambulanza del 118 all’ospedale di San Gavino, i medici gli hanno riscontrato una “ferita lacero contusa con lesioni vascolari e muscolari in regione cervicale”. Si è invece sentito male mentre era in cella di sicurezza Bido, ora ricoverato nell’ospedale di San Gavino. A chiedere l’intervento dei medici e dei carabinieri sono stati gli stessi giovani coinvolti nella rissa, che poi sono stati arrestati.

Fonte: Gian Paolo Pusceddu, Unione Sarda di Martedì 16 novembre 2010

Lascia un commento