25.7 C
San Gavino Monreale
sabato, Giugno 6 2020

È David il primo nato in provincia

Da leggere

Convocazione del Consiglio Comunale – 8 giugno 2020

Come concordato e deciso all’unanimità nella seduta del 04/06/2020 (assente solamente il Consigliere Garau), il Consiglio Comunale viene convocato per  il giorno...

Trasferimento del Servizio di Diabetologia, la nota dei sindaci

Una nota congiunta dei Sindaci della Conferenza Socio Sanitaria di Sanluri, riunitisi qualche giorno fa in una riunione a Lunamatrona per opporsi...

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Claudia Serra

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

Il bimbo è venuto alla luce alle 10,16 di ieri

Si chiama David Petza ed è un bel maschietto di 2 chili e 570 grammi: è il primo nato del Medio Campidano. Il piccolo è venuto alla luce alle 10.16 di ieri con un parto cesareo per la gioia dei genitori, entrambi sangavinesi, Elena Usai (21 anni) e Michele Petza (22).

David è il primo dei tanti bebè che verranno alla luce nell’ospedale “Nostra Signora di Bonaria”. Lo scorso anno i nati sono stati circa 600, con una leggera flessione rispetto al 2009 quando i nati erano stati 625. In ogni caso si viaggia alla media di quasi due parti al giorno. Il reparto da qualche anno a questa parte si presenta ancora più moderno e accogliente. I posti letto sono in tutto 27, tre riservati al day hospital. Ogni stanza ne ha tre (con lavandino, asciugatoio e piano per il fasciatoio) ed è stata attivata la pratica del “rooming-in”: al fianco della mamma c’è il bambino. «Ora – spiega il primario Carlo Tomasi – la dimissione della mamma con il bambino avviene dopo 48 ore se il parto è naturale, poi viene attivata l’assistenza domiciliare integrata puerperio con l’ostetrica che va a casa della neomamma per tre giorni di seguito per un’ora e mezza. Questo permette un risparmio di 700 euro al giorno per posto letto. Quando il parto è cesareo la mamma va a casa dopo la terza o quarta giornata. In questi casi va a casa anche il ginecologo, perché il cesareo è un intervento chirurgico».

Da quasi tre anni è attivo il percorso di accompagnamento alla nascita che vede una rete formata da ospedale e i consultori di San Gavino, Villacidro, Guspini, Serramanna e Sanluri: «Le future mamme – spiega Tomasi – vengono in ospedale prima del parto accompagnate dalle ostetriche del territorio».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di Domenica 02 gennaio 2011

Altri articoli

Ultime News

Convocazione del Consiglio Comunale – 8 giugno 2020

Come concordato e deciso all’unanimità nella seduta del 04/06/2020 (assente solamente il Consigliere Garau), il Consiglio Comunale viene convocato per  il giorno...

Trasferimento del Servizio di Diabetologia, la nota dei sindaci

Una nota congiunta dei Sindaci della Conferenza Socio Sanitaria di Sanluri, riunitisi qualche giorno fa in una riunione a Lunamatrona per opporsi...

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Claudia Serra

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus: a San Gavino 2 nuovi casi, entrambi positivi al tampone per la prima volta

Due nuovi casi di coronavirus a San Gavino Monreale. Questa la notizia più gettonata, nel nostro paese, nelle ultime ore.

“Il Servizio di Diabetologia resta a San Gavino”

La battaglia per scongiurare il trasferimento del Servizio di Diabetologia da San Gavino Monreale a Sanluri compie un importante passo in avanti,...