#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Ospedale, si aspetta il cantiere

Dopo il via libera della Giunta regionale al finanziamento di 76 miliardi ora tocca alla Asl. Il sindaco: «Le licenze ci sono, ora via ai lavori»
Duecento posti letto per le degenze e servizi medici decentrati. «Finalmente una sanità di serie A per il nostro territorio». Il progetto-ospedale ora deve fare i conti con i tempi degli appalti. «Fate presto».

Ospedale, si aspetta il cantiere

Ospedale, si aspetta il cantiere

Sarà il massimo della funzionalità il nuovo ospedale di San Gavino che sarà costruito seguendo i più moderni criteri dell’edilizia sanitaria. Il progetto, grazie al finanziamento della giunta regionale di 76,5 milioni di euro, è ora una realtà concreta e a breve i lavori potranno partire. Tra amministrazioni, comunali, provincia, Asl e Regione c’è aria di grande soddisfazione per una battaglia combattuta insieme e che permetterà ai cittadini del Medio Campidano di avere una sanità di «serie A».

LA STRUTTURA L’area interessata ai lavori del nuovo ospedale è di circa 10 ettari mentre la superficie della nuova struttura è di circa 32.200 metri quadrati e sarà suddivisa in tre corpi principali: piastra tecnologica, corpo delle degenze; e corpo dell’accoglienza e accettazione. Al suo interno sarà realizzato l’asilo nido aziendale per ospitare i bambini del personale dell’Asl, oltre ad un parcheggio di 475 posti auto. I 200 posti letto saranno divisi in due grandi aree. La prima medica (78 posti) che comprenderà medicina generale; medicina trasfusionale; cardiologia; Utic; neurologia; semintensiva neurologica; pediatria e nido; oncologia. a questa si aggiunge l’area chirurgica per un totale di 122 posti suddivisi tra chirurgia generale; ortopedia; terapia intensiva/rianimazione; ostetricia ginecologia; endoscopia; urologia; oculistica.

LA ASL Inoltre il nuovo ospedale sarà dotato di 16 posti tecnici del servizio di dialisi ambulatoriale e di 5 posti tecnici dedicati all’osservazione breve intensiva nell’area del pronto soccorso. Per il commissario della Asl 6 Giuseppe Ottaviani con il nuovo ospedale saranno erogati nuovi servizi al territorio: «Questo ulteriore passaggio, la delibera della giunta regionale, è un passo avanti verso l’obiettivo comune di realizzare una struttura adeguate e dimensionata alle esigenze del territorio. La struttura è stata fortemente voluta dall’assessore della Sanità Antonello Liori e dai consiglieri regionali del territorio, il cui iter amministrativo e autorizzativo si concluderà entro pochi mesi. In attesa del piano di riordino della rete ospedaliera regionale, indispensabile per il via libera alla nuova struttura, consentirà al territorio di poter usufruire di un livello di assistenza sanitaria correttamente dimensionata e di ottima qualità».

IL SINDACO Esprime grande soddisfazione anche il sindaco di San Gavino Gianni Cruccu: «Già in tempi non sospetti ho dichiarato a più riprese di essere sempre stato fiducioso sulla reale costruzione del nuovo ospedale. Non fosse altro per la pressante richiesta del territorio tutto del Medio campidano. Richiesta che è stata presa in considerazione sia dalla precedente Giunta Regionale, sia di quella attuale». Di qui l’impegno dell’amministrazione comunale sin dai primi giorni dell’insediamento in consiglio comunale: «Ci siamo occupati della questione, – aggiunge Cruccu – sia organizzando di concerto con la Provincia, sia autonomamente, incontri con diversi esponenti politici e della società civile e, non ultimo, con quel Comitato nato appositamente per la difesa del nuovo ospedale. Dal punto di vista amministrativo il nostro Comune ha provveduto tempestivamente ad adottare tutte le decisioni volte ad agevolare l’iter con tutte le varianti urbanistiche necessarie, senza alcun indugio o ritardo».

LE REAZIONI «Anche il territorio della Provincia del Medio Campidano potrà contare su una sanità adeguata ai tempi». Così si esprime il consigliere regionale del Pdl Sisinnio Piras a proposito dell’avvio delle procedure per la costruzione del nuovo nosocomio. «Credo – aggiunge Piras – che con la riorganizzazione dei servizi operata dalla Asl 6, che ha previsto la territorializzazione di importanti servizi che alleggeriscono il carico ospedaliero, che saranno operativi 24 ore su 24, il nuovo ospedale potrà rappresentare un punto di eccellenza e di vanto per la sanità del territorio e dell’intera isola». Per San Gavino, che si trova al centro di una vasta area geografica che comprende una popolazione di quasi 200 mila euro abitanti, ci saranno grandi ricadute: «Sin dalle prime fasi, – evidenzia il sindaco Gianni Cruccu – la realizzazione del nuovo Ospedale darà un impulso importante all’economia, essendo un’opera che ha il costo di 76 milioni di euro. Le ricadute occupazionali ed economiche saranno rilevanti, sia per la manodopera necessaria, sia perché parte del materiale impiegato per la sua costruzione potrà essere acquistato in questo territorio»

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda di 28/01/2011

Lascia un commento