16.9 C
San Gavino Monreale
martedì, 31 Marzo 2020

«Stop alle colle tossiche nei carri carnevaleschi»

Da leggere

San Gavino Monreale, raccolta beni di prima necessità e spesa “sospesa”

Qualche giorno fa abbiamo parlato delle recenti iniziative della Caritas Interparrocchiale, che lavora silenziosamente tutto l'anno per dare un aiuto laddove è necessario....

Comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

Un nuovo comunicato di cordoglio del Sindaco Carlo Tomasi in seguito alla scomparsa di una nostra concittadina, la seconda vittima del virus...

Sardegna: nel 2019 è boom per il gaming online

Continua a crescere senza soste la passione dei sardi per il gaming online. Nel solo 2019 sono stati spesi complessivamente 1,6 miliardi di...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 21.911 € dopo 7 giorni

Dopo 7 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 21.911 euro grazie alla donazione...

Addio a colle tossiche e infiammabili nella creazione dei bellissimi carri di carnevale. È la proposta lanciata dal giovane Walter Piras, da una vita impegnato nella costruzione di queste opere in cartapesta.

Stop alle colle tossiche nei carri carnevaleschi
Stop alle colle tossiche nei carri carnevaleschi
«L’idea rivoluzionaria che propongo e che ho testato con il gruppo Revolution – spiega – evita l’utilizzo di colle che emettono sostanze tossiche. Il procedimento è semplice: si tratta di applicare sulla reticella delle strisce di nastro carta da 3 centimetri di larghezza distanziate di circa 15 centimetri. Si crea una superficie d’ancoraggio per le successive mani di carta da applicare con acqua e farina o colla vinilica».
Gli aspetti positivi dell’idea sono molteplici, sia in termini di salute che di risparmio: «La spesa sull’applicazione della carta – stima Piras – si riduce di circa l’80 per cento. Avremmo dunque dei carri ancora più ecologici con carta riciclata e senza uso di colle pericolose».

Walter Piras realizza carri di carnevale dall’età di 16 anni e spera che questa idea venga testata da tutti ed applicata: «Mi rendo disponibile – aggiunge – per spiegarla di persona al fine di migliorare il modo di lavorare all’interno dei capannoni. Ad oggi ho collaborato per realizzare ben 34 carri e negli anni ho visto persone che sono state male per aver inalato troppi vapori della colla. Addirittura, un anno, a causa degli spessi vapori ho visto una struttura prendere fuoco in pochi secondi mettendo a repentaglio la vita dei carristi. Il mio sistema permette invece a tutti gli appassionati del mondo della cartapesta di lavorare in sicurezza».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda del 21/02/2011

Altri articoli

Ultime News

San Gavino Monreale, raccolta beni di prima necessità e spesa “sospesa”

Qualche giorno fa abbiamo parlato delle recenti iniziative della Caritas Interparrocchiale, che lavora silenziosamente tutto l'anno per dare un aiuto laddove è necessario....

Comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

Un nuovo comunicato di cordoglio del Sindaco Carlo Tomasi in seguito alla scomparsa di una nostra concittadina, la seconda vittima del virus...

Sardegna: nel 2019 è boom per il gaming online

Continua a crescere senza soste la passione dei sardi per il gaming online. Nel solo 2019 sono stati spesi complessivamente 1,6 miliardi di...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 21.911 € dopo 7 giorni

Dopo 7 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 21.911 euro grazie alla donazione...

Riprese non autorizzate durante la Didattica a Distanza, la denuncia della dirigente scolastica

Privacy, un tema ricorrente in questi giorni di emergenza coronavirus. Oggi la dirigente scolastica dell'Istituto Comprensivo Statale "Eleonora d'Arborea"...