9.2 C
San Gavino Monreale
mercoledì, 2 Dicembre 2020

Giro girotonda

Emergenza sanitaria

Arbus, salgono i positivi, nuova ordinanza del sindaco Andrea Concas

Ad Arbus salgono il casi di positività al Covid-19. Si contano 44 positivi, di cui 6 ricoverati in ospedale. Per questo il sindaco Andrea...

Coronavirus in Sardegna, 27 novembre: i dati dei contagi (+375) e dei guariti (+164) nelle ultime 24 ore. Altri 9 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 9 decessi e 375 nuovi casi. Cala il numero dei ricoveri. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 375...

Coronavirus in Sardegna, 26 novembre: i dati dei contagi (+405) e dei guariti (+126) nelle ultime 24 ore. Altri 5 decessi

Covid-19, in Sardegna ancora 5 decessi e 405 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 405 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.037...

Coronavirus in Sardegna, 25 novembre: i dati dei contagi (+351) e dei guariti (+197) nelle ultime 24 ore. Altri 6 decessi

Covid-19, ancora sei decessi e 351 nuovi casi. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 351 nuovi casi emersi dall'analisi di 3.877 tamponi e...

Fincantieri, ok del MISE all’acquisizione di INSO (la società che costruirà il nuovo ospedale del Medio Campidano)

Con decreto del 12 novembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato l’aggiudicazione dei complessi aziendali facenti capo a INSO – Infrastrutture Sociali (inclusa...

Giro girotonda
Giro girotonda

Casca il mondo, casca la terra… ma nell’incrocio per Villacidro non cambia mai niente. Raccogliere firme, mandare lettere ai mezzi di stampa, inscenare clamorose proteste, creare delle pagine su facebook per ottenere la realizzazione di una rotatoria nella strada per Villacidro, tra la SS 197 e la SP 61… si è rivelato inutile. L’incrocio della morte è ancora al suo posto, perfettamente operativo. E’ la burocrazia ad essere lenta oppure semplicemente sono tutti disinteressati al problema? Ci si chiede dunque se possiamo fare qualcosa – al di là di tutte le pratiche e pressioni già avviate dalla nostra amministrazione comunale – per affrettare i tempi.

A chi passa la parola adesso? Alla Provincia? All’Anas? Noi siamo stanchi di questo girotondo del rimbalzo delle responsabilità. La vita degli automobilisti non è un gioco, e non possiamo più stare con le mani in mano. E se il normale iter burocratico non ha portato ai risultati sperati, forse è giunto il momento di passare a qualcosa di più convincente. Ad esempio? Si possono realizzare talmente tante idee che è difficile elencarle tutte. Una delle prime proposte lanciate da un gruppo di sangavinesi è stata senza dubbio quella di piazzare almeno della segnaletica (possibilmente luminosa) in prossimità dell’incrocio della morte. E dato che i cartelli stradali hanno un costo, queste persone si erano anche prodigate a trovare degli “sponsor” per finanziarne l’acquisto. Che fine ha fatto quella proposta? Era davvero così campata in aria da non meritare nemmeno di essere presa in considerazione?

Personalmente – e mi stupisce essere costretto a desiderare il ricorso a certi mezzi – sarei per una soluzione più drastica. La propongo qui sperando che possa leggerla chi ha il potere di prendere delle decisioni per la nostra comunità. In molti comuni sardi (Bindua, Monastir, Las Plassas, Terralba, solo per citare alcuni esempi) si ricorre all’utilizzo di autovelox fissi anche su strade statati e provinciali. Questo è senza dubbio un modo odioso di “far cassa” che pesa sulle tasche dei contribuenti, ma è anche vero che può diventare un’arma che noi sangavinesi possiamo usare per ottenere un triplice obiettivo. Primo: ottenere la riduzione della velocità sul quel tratto maledetto di strada. Secondo: multando qualche assessore di passaggio magari la questione diventa “attuale“ anche in Provincia, dove qualcuno potrebbe smuovere le acque. Terzo: i soldi ricavati dalle multe – che peseranno poco sui sangavinesi, posizionando l’autovelox tra l’uscita di Villacidro e quella per Guspini, ad esempio – possono essere “donati“ all’ente di competenza per le realizzazione della tanto sospirata rotatoria. Con una richiesta: al centro della rotonda vorrei vedere un monumento ai caduti in quell’incrocio. Una piccola croce per ogni vittima, un macigno sul cuore per ogni giorno in cui non facciamo niente… aspettando il prossimo incidente.

Fonte: Simone Usai, Comprendo del 23 Febbraio 2011

Articoli correlati

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 01.12.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 33 attualmente positivi (+1 da ieri) di cui 33 in isolamento domiciliare e nessuno ricoverato con sintomi.• 34 persone in quarantena (oltre i positivi...

San Gavino, i donatori di sangue a sostegno di Bitti

San Gavino Monreale, un paese in cui la parola d'ordine è "solidarietà". La sezione AVIS locale infatti si mobilita a sostegno della popolazione di Bitti,...

La mamma, la vicina e il Covid-19: epilogo

Comincio col ringraziare le persone che hanno letto la mia lettera, che ci hanno riflettuto su, che hanno riposto con un commento. Nella lettera...