17 C
San Gavino Monreale
lunedì, Giugno 1 2020

Tempo prolungato tagliato: genitori protestano

Da leggere

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Inciviltà e abuso di alcolici, due facce della stessa medaglia

Da più fonti, nelle ultime ore, abbiamo ricevuto segnalazioni di lattine e bottiglie abbandonate nei parchi di San Gavino Monreale. Talvolta accanto...

Solinas: “Il passaporto sanitario non sta fermando gli stranieri”

In una lunga intervista curata da Emanuele Lauria per il quotidiano La Repubblica (del 31 maggio 2020, pagina 11), il presidente della...

Tempo prolungato tagliato: genitori protestano
Tempo prolungato tagliato: genitori protestano
Addio al tempo pieno nella prima classe delle scuole elementari ed ecco che arrivano i disagi per i genitori. È quanto rimarca il medico Nando Gallese, padre di tre figli, uno dei quali il prossimo anno sarà iscritto al primo anno della scuola primaria. «Uno in particolare – spiega il genitore, portavoce del malumore generale – ha 7 anni e già dalla prima classe frequenta, come i suoi compagni, a tempo pieno la scuola dalle 8.30 alle 16.30 dal lunedì al venerdì, usufruendo del servizio mensa. Noi genitori siamo molto soddisfatti di questa modalità, mentre a settembre un altro bambino inizierà a frequentare la prima classe e con grande disappunto, abbiamo appreso che, essendoci poco più di dieci bimbi con opzione per tale indirizzo, la direzione didattica avrebbe in programma la formazione di classi unicamente a tempo «normale» (8,30-13,30 da lunedì a sabato). Per il fatto che una terza bambina (4 anni) frequenta la Scuola Materna (9-15,30 lunedì-sabato) la scelta di rinunciare al tempo pieno obbligherebbe la mia famiglia, così come molte altre con simili problemi, a delle rincorse ed acrobazie di orari e «fughe» dal lavoro per accompagnamento e ritiro dei bambini in giorni e orari quanto mai intricati, in alternativa, a spese per baby-sitter, baby-parking, servizio di bus privato, ecc. di non irrisorio rilievo economico e con preoccupazioni legate all’affidabilità di terzi, nonchè alle ripercussioni psicologiche sui bimbi. Le attività lavorative dei genitori risulterebbero alterate».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda del 12/03/2011

Altri articoli

Ultime News

Terza vittima per Coronavirus, il comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

La più brutta delle notizie, legata all'emergenza Covid-19, colpisce ancora una volta San Gavino Monreale. Purtroppo dobbiamo darvi la notizia del decesso...

Coronavirus in Sardegna: da 3 giorni zero contagi

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Inciviltà e abuso di alcolici, due facce della stessa medaglia

Da più fonti, nelle ultime ore, abbiamo ricevuto segnalazioni di lattine e bottiglie abbandonate nei parchi di San Gavino Monreale. Talvolta accanto...

Solinas: “Il passaporto sanitario non sta fermando gli stranieri”

In una lunga intervista curata da Emanuele Lauria per il quotidiano La Repubblica (del 31 maggio 2020, pagina 11), il presidente della...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 30 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...