24 C
San Gavino Monreale
giovedì, Giugno 4 2020

Centro anti-infarto

Da leggere

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Il nuovo primario annuncia le novità nei reparti. L’ospedale presto dotato di unità coronarica.

Centro anti-infarto
Centro anti-infarto
Offrire più servizi i pazienti colpiti da infarti, aritmie o da angina instabile e gestire nel modo migliore le emergenze. È questo quello che permetterà la creazione della nuova cardiologia nell’ospedale di San Gavino. Da alcuni giorni ha preso servizio un nuovo primario Gianfranco Ibba, che per tanti anni ha lavorato nel reparto di cardiologia dell’ospedale cagliaritano «Santissima Trinità». Ed ecco che ora anche a San Gavino la cardiologia avrà una sua autonomia dal reparto di medicina e sarà creata l’Utic, l’unità di terapia intensiva coronarica. Questo sarà possibile con l’assunzione di alcuni nuovi cardiologi che si affiancheranno alle figure professionali esistenti e che permetteranno di gestire le urgenze 24 ore su 24.

In questo modo si ridurranno i trasferimenti d’urgenza dei pazienti verso gli ospedali di Cagliari e il nosocomio di Oristano con un notevole risparmio per le casse della Asl e un migliore servizio offerto ai pazienti. Soddisfazione è espressa dal nuovo direttore generale della Asl 6 Salvatore Piu: «Si tratta di un importante passo avanti, il reparto di cardiologia di San Gavino – rimarca – ha ottime professionalità. Quando sono arrivato in questa Asl ho trovato tutto pronto: le procedure del concorso erano già state espletate». In ogni caso non si parte da zero perché da diversi anni esiste in ospedale l’unità di terapia semintensiva dotata di alcune apparecchiature modernissime.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda del 21/04/2011

Articolo precedenteCartelli curiosi a San Gavino
Articolo successivoSu Scravamentu

Altri articoli

Ultime News

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...