25.5 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Giugno 3 2020

Keller vicina al fallimento?

Da leggere

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Keller vicina al fallimento?
Keller vicina al fallimento?

La situazione alla Keller Elettromeccanica di Villacidro sembra precipitare. L’azienda ha comunicato, in via ufficiosa, di essere intenzionata a portare i libri contabili in Tribunale e chiudere i battenti.
La decisione, ancora al vaglio della dirigenza, sarebbe determinata dal fatto che una delle tre banche che avrebbero dovuto erogare un credito di 17 milioni di euro, ha avuto un ripensamento e pertanto non concederà più quel finanziamento che all’azienda sarebbe servito per avviare il nuovo piano industriale e riprendere quindi la produzione ferma da ormai due anni per la mancanza di liquidità.

Tutto ciò nonostante siano nel portafoglio societario commesse di carrozze ferroviarie per una cinquantina di milioni di euro, più altre di prossima acquisizione. Il dietrofront di uno dei tre istituti bancari sarebbe conseguente al taglio apportato da Trenitalia alle commesse precedentemente assegnate alla Keller per la fornitura di uno stock di carrozze ferroviarie.
Questa mattina davanti ai cancelli della fabbrica, una parte dei 300 dipendenti (in cassa integrazione da due anni) ha effettuato un sit-in di protesta, mentre negli uffici direzionali la proprietà aziendale era riunita per valutare la possibilità di dichiarare il fallimento e consegnare i libri contabili in Tribunale. (ANSA)

Fonte: Sardegna24 del 29 luglio 2011

Altri articoli

Ultime News

“Due chiacchiere in camicia”: Alberto Ibba intervista Andrea Erdas e Alessia Carta

"Due chiacchiere in camicia" è un appuntamento settimanale sul canale Instagram di Alberto Ibba. In ogni appuntamento, Alberto intervisterà in diretta -...

Coronavirus, verso la “Fase 3”: la Sardegna riapre ai turisti

La Sardegna viaggia verso la "Fase 3", con diverse novità e ulteriori allentamenti alle restrizioni che hanno contraddistinto gli ultimi mesi. Di...

Convocazione del Consiglio Comunale – 4 maggio 2020

Il Sindaco Carlo Tomasi invita la popolazione a partecipare alla riunione di Consiglio Comunale, convocato in sessione straordinaria ed in videoconferenza, per...

Coronavirus in Sardegna: contagi quasi azzerati, si va verso una regione “covid free”

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Anche i sindacati dicono NO al trasferimento di diabetologia dall’Ospedale di San Gavino

I sindacati del Medio Campidano si schierano al fianco dei cittadini, nella battaglia per scongiurare il trasferimento dell’Unità Operativa Complessa di Diabetologia...