Trattorando 2019
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Violenta una ragazza, in manette un pensionato di 64 anni

Le offre un passaggio dopo una serata in un locale, poi la costringe a seguirlo a casa. Finisce in manette un pensionato di 64 anni
La ragazza ha trent’anni. I due si conoscevano. All’uscita di un locale, l’uomo le ha dato un passaggio. Ma la serata ha preso una piega violenta.

Violenta una ragazza, in manette un pensionato di 64 anni

Violenta una ragazza, in manette un pensionato di 64 anni

È stato rintracciato alcune ore dopo a San Gavino. Avrebbe portato con l’inganno nella propria abitazione una donna straniera, di circa 30 anni, conosciuta in un locale notturno dell’Oristanese e l’avrebbe aggredita e violentata. In manette, con l’accusa di violenza sessuale, è finito Antonio Cabiddu, di 64 anni, pensionato di Ussaramanna , residente a Baressa e domiciliato a San Gavino, vedovo. È stato arrestato dai carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Sanluri a conclusione di indagini durate poche ore.

LA SERATA Secondo la ricostruzione degli investigatori dell’Arma, comandati dal maresciallo Giuseppe Lussu, l’altra notte il pensionato, dopo aver trascorso alcune ore in un locale di Terralba, si è offerto di dare un passaggio alla donna. I due sembra che si conoscessero, lui è un assiduo frequentatore del locale. Ma invece di dirigersi verso l’abitazione di lei, l’ha condotta nella sua casa in località “Su Pardu”, nelle campagne di San Gavino. Lì, l’avrebbe aggredita e trascinata in camera da letto, dove l’avrebbe violentata. Subita la violenza la donna è riuscita a divincolarsi e a fuggire dalla casa, inseguita dal Cabiddu. Per sfuggire dal pensionato ha raggiunto delle siepi rimanendo nascosta fino a quando l’uomo non è rientrato in casa.

LA FUGA Sicura di non essere vista dal suo violentatore, a piedi scalzi e con una certa difficoltà ha raggiunto la statale 197 per poi chiedere un passaggio ad un automobilista che l’ha accompagnata sino alla stazione di servizio Esso, sulla statale 131, nelle vicinanze di Sanluri. Da qui è partita una telefonata al 112, che ha allertato la Compagnia di Sanluri. I militari hanno trovato la donna in pessime condizioni e con i segni della violenza subita.

PAURA Con difficoltà ha raccontato di essere stata aggredita da un certo Antonio e di aver abbandonato scarpe e borsetta nella fuga. Accompagnata alla locale guardia medica è stata sottoposta a visita. Era senza biancheria intima e presentava leggere escoriazioni alle braccia e alle gambe e in altre parti del corpo, evidenti segni della violenza subita. Agli inquirenti ha fatto una precisa descrizione del suo violentatore, dando anche indicazioni del luogo dove sarebbe avvenuta la violenza.

Violenta una ragazza, in manette un pensionato di 64 anni

Violenta una ragazza, in manette un pensionato di 64 anni

CATTURA Sono bastate poche ore di indagini dei militari, guidati capitano Gianluca Puletti e dal maresciallo Giuseppe Lussu, per rintracciare ed arrestare il presunto responsabile. Gli inquirenti si sono recati in località “Su Pardu”. Nella perquisizione i carabinieri hanno trovato elementi di prova ritenuti inconfutabili, comprese le scarpe e la biancheria intima strappata alla donna, che Antonio Cabiddu aveva nascosto nell’auto. La borsetta invece è stata trovata vicino al cespuglio in cui la donna si era nascosta per sfuggire al suo violentatore.
Secondo gli investigatori l’episodio avrebbe potuto avere risvolti più drammatici se la vittima non fosse riuscita a fuggire dall’abitazione e a nascondersi tra la vegetazione. Accompagnato in caserma a Sanluri, l’uomo dopo le formalità di legge è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale. Il pensionato è stato rinchiuso nel carcere di Buoncammino a Cagliari a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Fonte: Gian Paolo Pusceddu, Unione Sarda di Venerdì 30 settembre 2011

Lascia un commento