#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

La Provincia? Troppe spese

Viaggi e consulenze, Cabua tuona: «Più sobrietà». Animato dibattito in Consiglio dopo la denuncia di un funzionario.

Fulvio Tocco

Fulvio Tocco

Pranzi, cene, convegni, viaggi, eventi, brochure, rappresentanza e soprattutto consulenze. Un pozzo senza fondo di spese nella Provincia del Medio Campidano, ben rappresentato dal caso dell’aggiornamento del sito web, affidato di recente a un operatore esterno per 30 mila euro. E poi gli oltre 20 mila euro di viaggi, quasi tre mila per spedizioni in Russia e Libano.

SOBRIETÀ Adesso, prendendo alla lettera la circolare del premier Mario Monti sui risparmi, si arriva al dunque: «Basta agli sprechi», da adesso in poi «spese oculate». L’invito questa volta al «massimo rigore» nel «rispettare» e nel «far rispettare» una «sobrietà assoluta» è del dirigente dell’area finanziaria della Provincia, Mariano Cabua. In una nota inviata al presidente del Consiglio, Fabrizio Collu, scrive: «In considerazione che l’Ente sarà sottoposto al controllo della Corte dei Conti, sarebbe il caso di adottare comportamenti ispirati alla sobrietà e rivedere gli atti gestionali non più sostenibili per l’integrità economica e finanziaria».

LA REPLICA Un richiamo non gradito dal presidente Fulvio Tocco che se da un lato giustifica «l’angoscia dei dirigenti per tenere fede ai pagamenti», dall’altro richiama il responsabile al suo dovere e lo invita in futuro ad «astenersi da comunicazioni che non rientrano nelle sue competenze».

IL DIBATTITO E la problematica, con una mozione del consigliere Agostino Pila, arriva a Villacidro, nell’aula consiliare di via Parrocchia. «Da anni», ricorda Pilia, «la minoranza denuncia le spese pazze di questa Provincia. Somme ingenti spesi per il superfluo a discapito dei servizi utili. Un esempio per tutti: quasi 100 mila euro per quintali di brochure, cartine e pubblicazioni, fra l’altro per arricchire le tipografie fuori Provincia. O anche per le tante consulenze esterne. Altro che crescita e sviluppo».

L’ACCUSA Rincara la dose Gino Deias. «È vergognoso che una Provincia povera, anzi la più povera fra tutte, spenda 200 mila euro per lo staff di presidenza, più della metà per il capo di gabinetto. Politica di lacrime e sangue per la povera gente, posti al caldo per chi occupa certe poltrone anche nel bilancio 2012, temo». E Nicola Cau, ribadisce: «Lode e merito al dirigente e al suo senso di responsabilità. Condivido i tagli ad iniziare dai collaboratori che affiancano l’ufficio tecnico per 50 mila euro, visto che l’organico è al completo e che le figure esterne chiamate sono sempre le stesse e di fatto svolgono ordinaria amministrazione».

Nessuno scandalo per il presidente del Consiglio, Collu: «Non c’è sperpero di denaro pubblico, per i viaggi i consiglieri hanno speso una cifra modesta: 10 mila euro».

Fonte: Santina Ravì, Unione Sarda

Lascia un commento