#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

«Un Consiglio ogni 4 mesi»

Protestano maggioranza e opposizione: ora basta. Il sindaco non replica, il vice difende la squadra di governo.

Municipio di San Gavino

Municipio di San Gavino

È polemica tra maggioranza e minoranza sull’attività svolta dall’amministrazione comunale. Secondo i consiglieri di minoranza il segno più evidente di immobilismo è il fatto che da gennaio ad oggi, in oltre 4 mesi è stato convocato un solo consiglio comunale, il cui costo è di 16 euro a consigliere (272 euro in tutto). Duro l’atto di accusa dell’ex sindaco Stefano Musanti, ora consigliere di minoranza: «Questa amministrazione naviga a vista ed è priva di idee. Non è stato promosso e portato in questi anni in consiglio comunale nessun nuovo progetto per San Gavino: si naviga a vista. Ad ottobre abbiamo chiesto la convocazione di un Consiglio aspetto sul Pai (piano di assetto idrogeologico), ma questa richiesta è stata bocciata nell’ultimo consiglio comunale: è stato un ulteriore atto di arroganza».

IL SINDACO Gianni Cruccu da parte sua preferisce non rilasciare dichiarazioni: «Non voglio dire niente, è un gioco al massacro. Ne va di mezzo il paese perché si rappresenta un’immagine negativa». Intanto ribatte alle accuse di Musanti il vice sindaco Bruno Deidda: «L’attività prodotta dalla Giunta – rimarca – non si misura con il numero e le delibere dei consigli comunali. Le delibere di Giunta sono numerose e ci riuniamo tutti i giorni dal lunedì al giovedì. Per il 16 maggio abbiamo convocato un consiglio comunale aperto sul Piano di assetto idrogeologico perché vogliamo dare una informazione alla cittadinanza, poi ci sarà la riunione per l’approvazione del bilancio comunale. L’attività di lavoro si svolge attraverso le delibere di Giunta, abbiamo ridotto i consigli perché aspettiamo il bilancio e prima di questo c’è da sistemare il patto di stabilità. Le richieste della minoranza? Spesso pretestuose e non produttive».

I CONSIGLIERI Assai critico è il consigliere di maggioranza Franco Serrenti: «Il numero dei consigli comunali rispecchia l’attività del sindaco, della Giunta e della maggioranza. Se ci sono numerosi consigli comunali significa che c’è una forte attività che coglie i risultati, altrimenti vuol dire che questa attività manca. Non ci sono idee e risultati: la crisi di questa maggioranza è palese: L’attività è scarsa e scadente. Credo che il Consiglio convocato a maggio sia stato imposto dal prefetto». Spara a zero il consigliere di minoranza Angela Canargiu: «Se andiamo ad esaminare la situazione dell’amministrazione comunale possiamo notare che è praticamente immobile sia dal punto di vista della programmazione sia per quanto riguarda l’attività amministrativa, esclusa l’ordinaria gestione. Ormai sono trascorsi più di quattro mesi dall’inizio di questo 2012 e il Consiglio Comunale si è riunito una sola volta senza deliberare alcunché in merito ai programmi da attuare e che ancora non è stato approvato il bilancio comunale per l’anno in corso; viene quasi da chiedersi se abbiamo o no un’amministrazione».

Fonte: Gigi Pittau , Unione Sarda

Lascia un commento