21.8 C
San Gavino Monreale
sabato, Luglio 11 2020

Il paradosso blu

Da leggere

Sport da contatto e restrizioni, l’Assessore Chessa risponde

Il blocco pressoché totale delle attività sportive durante la pandemia è stato uno dei divieti più sentiti e impattanti sulla salute psicofisica...

Pro Loco, un appello per fare gli acquisti a San Gavino Monreale

"Compra a San Gavino Monreale". Questo l'appello della Pro Loco di San Gavino Monreale che, per mezzo di Antonella Caboni, neo-presidente dell'associazione...

Dopo il coronavirus aumenta la povertà tra i pensionati

Pensionati ancora invisibili al Governo. Anche dalla Sardegna parte l’allarme verso le scelte Nazionali. La presa di posizione della Presidente di ANAP...

Via Pascoli, a San Gavino un nuovo meraviglioso murale firmato dallo street artist Millo

Il museo a cielo aperto di San Gavino Monreale si arricchisce con una nuova strepitosa opera d'arte. La firma è di Francesco...

Il paradosso blu
Il paradosso blu

Qualche tempo fa abbiamo scritto un articolo sui parcheggi a pagamento, insomma sulle strisce blu, queste simpatiche striscioline colorate posizionate sui bordi della strada. Sì, colorate col sangue dei nobili o se preferite colorate con un po’ di Puffo! Era marzo del 2011 quando la trasmissione televisiva “Le Iene” faceva notare a gran parte degli italiani come, quando posizionate all’interno di una carreggiata, queste strisce fossero irregolari. Ok. Ma una volta superato l’esame teorico della scuola guida, ben pochi ricordavano cosa fosse, per la legge, una carreggiata.

Essa, secondo la definizione riportata nel codice della strada, è la parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli; è composta da una o più corsie di marcia e, in genere, è pavimentata e delimitata da strisce di margine. Ma quindi i parcheggi che tutti noi vediamo sul bordo della strada sarebbero irregolari! Sono messi lì, dove, se non ci fossero, scorrerebbe il traffico! Quindi, per logica, le strisce blu non ci potrebbero stare.

Infatti, sono state vinte delle cause, ma ne sono state anche perse, cioè? Sì, come se la legge fosse un’opinione. Pare proprio sia così, nel dubbio a San Gavino Monreale i parcheggi da qualche giorno sono stati delimitati da una linea tratteggiata di margine. Sappiamo dunque che d’ora in poi si può fare una cosa: prima si fanno i parcheggi, poi si decide di conseguenza quale sia la carreggiata. Non è un paradosso?

Fonte: Luca Fois, Comprendo

Altri articoli

Ultime News

Sport da contatto e restrizioni, l’Assessore Chessa risponde

Il blocco pressoché totale delle attività sportive durante la pandemia è stato uno dei divieti più sentiti e impattanti sulla salute psicofisica...

Pro Loco, un appello per fare gli acquisti a San Gavino Monreale

"Compra a San Gavino Monreale". Questo l'appello della Pro Loco di San Gavino Monreale che, per mezzo di Antonella Caboni, neo-presidente dell'associazione...

Dopo il coronavirus aumenta la povertà tra i pensionati

Pensionati ancora invisibili al Governo. Anche dalla Sardegna parte l’allarme verso le scelte Nazionali. La presa di posizione della Presidente di ANAP...

Via Pascoli, a San Gavino un nuovo meraviglioso murale firmato dallo street artist Millo

Il museo a cielo aperto di San Gavino Monreale si arricchisce con una nuova strepitosa opera d'arte. La firma è di Francesco...

Aiutateci a ritrovare Mimì

Una gattina smarrita a San Gavino Monreale. Un appello della Lega Nazionale per la Difesa del Cane delegazione San Gavino Monreale, con...