16.2 C
San Gavino Monreale
sabato, Maggio 30 2020

Funerali lampo, è polemica

Da leggere

Trasferimento del Servizi di Diabetologia, interviene il Sindaco di San Gavino Monreale

Il Comune di San Gavino Monreale fa sentire la propria voce, all'indomani della nascita del gruppo spontaneo di cittadini contrari allo spostamento...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 29 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Presentazione del bando “Microincentivi per l’innovazione III edizione”

Venerdì 29 maggio 2020, a partire dalle ore 10:00, si terrà il seminario online per la presentazione del bando Microincentivi per l'innovazione III edizione.

Coronavirus in Sardegna: solo 200 positivi in tutta l’isola, 2 persone ancora in terapia intensiva

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Paese diviso sulla scelta dei parroci di abolire il corteo a piedi. Benedizioni rapidissime, spesso assenti i parenti.

Funerali lampo, è polemica
Funerali lampo, è polemica

Non più a piedi, ma tutti in auto dietro il corteo funebre. Ed ecco che in seguito a questo nuovo cambiamento è scoppiata la polemica nel paese, spaccato in due. Una parte dei sangavinesi vorrebbe il ritorno al tradizionale corteo funebre a piedi anche perché capita che i familiari del defunto arrivino in cimitero quando la salma è già stata benedetta.

IL CASO Insomma guai a toccare la classica processione a piedi dietro la salma del caro estinto perché così si è sempre fatto. Ma la decisione è stata presa dai sacerdoti delle tre parrocchie sangavinesi come spiega Don Giorgio Lisci che da qualche anno guida la parrocchia di Santa Teresa: «Si fa tutto come sempre, abbiamo solo eliminato il tragitto a piedi dalle chiese al cimitero. Abbiamo chiesto di farlo in auto d’accordo con il vescovo perché gli automobilisti non rispettavano più il corteo che adesso è sempre aperto dal carro funebre e dal sacerdote. Inoltre moltissima gente andava a dare direttamente le condoglianze nella cappella del cimitero senza partecipare alla benedizione della salma». Insomma i sacerdoti saranno sempre presenti e per tutti l’invito è ad un maggiore raccoglimento: «Il corteo deve essere religioso e non lo era più perché si sentiva il chiacchiericcio della gente e pettegolezzi di vario tipo. Questa vecchia tradizione non ha più senso, anzi portava a delle distinzioni anche perché c’è chi in questi momenti fa sfoggio e comunque si andava in macchina a seconda che ci fosse troppo freddo o troppo caldo. Se qualcuno non ha l’auto gli si offre un passaggio. Inoltre gli agenti funebri erano troppo lenti e qualcuno ha rischiato anche di essere investito. Se poi la famiglia non vuole attenersi alla normativa può andare sempre a piedi».

E in alcuni casi c’è chi arrivato in cimitero quando la salma del proprio familiare era stata già benedetta. «Al funerale di mia madre – racconta il vice sindaco Bruno Deidda – ho tardato qualche minuto per arrivare in cimitero e ho dovuto parcheggiare lontano perché c’era molta gente. Quando sono arrivato la salma era già stata benedetta e il prete non c’era più. Non so se questa decisione dei parroci produrrà più consenso o dissenso verso la Chiesa».

REAZIONI E tra gli anziani sono in tanti a protestare: «Io – spiega Gigi Matta, pensionato – non sono d’accordo e come me tanti altri, ma pochi hanno il coraggio di protestare. Con questo atteggiamento i parroci fanno allontanare la gente dalla Chiesa. Vorrei sapere il motivo di questa decisione. I funerali hanno le loro tradizioni che non possono essere sconvolte. Sono credente, ma penso che i sacerdoti debbano seguire le tradizioni dei nostri avi».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Altri articoli

Ultime News

Trasferimento del Servizi di Diabetologia, interviene il Sindaco di San Gavino Monreale

Il Comune di San Gavino Monreale fa sentire la propria voce, all'indomani della nascita del gruppo spontaneo di cittadini contrari allo spostamento...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 29 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Presentazione del bando “Microincentivi per l’innovazione III edizione”

Venerdì 29 maggio 2020, a partire dalle ore 10:00, si terrà il seminario online per la presentazione del bando Microincentivi per l'innovazione III edizione.

Coronavirus in Sardegna: solo 200 positivi in tutta l’isola, 2 persone ancora in terapia intensiva

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 28 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...