#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Il Pronto soccorso si allarga

Sei nuovi posti di osservazione per evitare l’affollamento dei reparti. Una settimana fa nei corridoi di Medicina sistemati dodici letti con altrettanti pazienti.

Pronto soccorso

Pronto soccorso

Rafforzare il servizio del pronto soccorso dell’ospedale per evitare i ricoveri inutili con il conseguente sovraffollamento di reparti come Medicina dove alcune settimane fa c’erano anche dodici letti nei corridoi. Ed è con questa finalità che saranno aumentati i posti di osservazione nel pronto soccorso: «Saranno in tutto sei – spiega il direttore generale della Asl Salvatore Piu – divisi in due stanze. L’obiettivo è evitare i ricoveri inappropriati, cosa che succede anche adesso. Quando ci sono 12-13 barelle in reparti come in Medicina il fatto è dovuto o al ricovero inappropriato o alla mancanza della lungodegenza. Ma ora con questi 6 posti di osservazione il paziente in dubbio sarà tenuto alcune ore in ospedale e a quel punto o sarà rimandato a casa oppure si potrà decidere per il ricovero. I lavori sono già in corso e saranno terminati tra non più di 10 giorni: la spesa sarà di 50 mila euro. I 40 posti della Medicina e quelli della Chirurgia sono più che sufficienti e non ha senso intasare questi reparti: abbiamo un altro indice di inappropriatezza dei ricoveri e il famoso filtro che dovrebbe fare il territorio lascia a desiderare, soprattutto nei fine settimana e nel periodo estivo».

Questi posti di osservazione si aggiungeranno alle due sale già in funzione per le visite e a quella per il triage. In questo modo il pronto soccorso sarà più funzionale: «I cittadini – aggiunge il direttore generale della Asl – nell’ospedale devono abituarsi a seguire le indicazioni».

Inoltre per evitare di intasare il pronto soccorso il territorio della Asl 6 deve fungere da filtro: «Le case della salute – conclude Salvatore Piu – si realizzano per intercettare il paziente nel territorio: quella di Villacidro è in funzione da tempo mentre poi apriremo a Serramanna e anche a Lunamatrona dove i lavori sono finiti. A queste si aggiungono i due distretti di Sanluri e Guspini mentre abbiamo ricevuto un finanziamento regionale di 405 mila euro per realizzare una nuova casa della salute ad Arbus».

Avere meno ricoveri consentirà anche un risparmio perché il costo medio giornaliero di un posto letto all’ospedale di San Gavino supera i 700 euro.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento