16.6 C
San Gavino Monreale
lunedì, 26 Ottobre 2020

Una collaborazione straordinaria

Emergenza sanitaria

Coronavirus, 25 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +195 nelle ultime 24 ore

Sono 195 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 25 ottobre 2020 continua...

Coronavirus, Conte prepara il nuovo DPCM: stop a palestre e cinema, chiusura dei ristoranti alle 18 e stretta sul weekend

Lungo vertice a Palazzo Chigi tra il Giuseppe Conte e i capi delegazione per ragionare sulla nuova stretta per il coronavirus. Tra...

Coronavirus, salgono ancora i contagi in Sardegna: +329 nelle ultime 24 ore

Sono 329 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 4 ottobre 2020 continua...

Personale medico, sanitario e amministrativo: selezione per 2.000 posti

Coronavirus: al via il reperimento di 2.000 unità di personale medico sanitario e amministrativo. Personale a supporto della medicina territoriale per Covid-19,...

San Gavino Monreale, nuova ordinanza anti-Covid: stretta sui distributori automatici di alimenti e bevande

Carlo Tomasi, Sindaco di San Gavino Monreale, mediante l'ordinanza numero 57 del 23 ottobre 2020, dispone una serie di limitazioni, in attuazione...

Feurra
Feurra

La festa di San Gavino Martire è ormai passata, con una differenza notevole rispetto agli anni precedenti. La collaborazione dei cavalli è storica ma quest’anno è stato un cavallo in particolare ad avere avuto l’onore e la capacità di portare lo stendardo senza mai dare le spalle al santo. Il suo nome è , razza sella italiana, ha nove anni, una corporatura agile e il manto baio scuro, può definirsi uno dei migliori esemplari dell’allevamento del signor Giovannino Marongiu, presidente del comitato di San Gavino Martire 2011/2012.

È dotata di un’individuale velocità nell’apprendimento e di un carattere docile. Bardata per l’evento e scortata da altri cavalieri, è stata guidata da Giuliano, nipote del presidente, lungo tutto il suo cammino, partendo dalla dimora dove è stato custodito lo stendardo, proseguendo per tutte le vie della processione, evitando di volgere le spalle al Santo. La camminata in retromarcia è un’abilità ottenuta grazie al duro lavoro di Giuliano e l’aiuto di suo zio, durato mesi, ma soprattutto grazie alla buona volontà di Feurra.

Il suo temperamento mite e il suo singolare talento hanno fatto sì che un’antica tradizione tornasse in vita e che il corteo si svolgesse in tranquillità e armonia. Non meno importanti sono state le decorazioni caratteristiche che hanno messo in risalto la sua eleganza. Possiamo dire che la processione abbia avuto una buona riuscita, speriamo quindi che, anche l’anno venturo, possa arricchire con la sua straordinaria bellezza e maestria una festa a noi tanto cara!

Fonte: Polly Sanna, Comprendo

Articoli correlati

Ultime News

Bollettino di aggiornamento Covid-19: San Gavino Monreale 25.10.2020

Si comunicano i dati aggiornati alla data odierna:• 27 attualmente positivi (invariato da ieri) di cui 26 in isolamento domiciliare e 1 ricoverato...

26 ottobre 2020, allerta meteo gialla per temporali

Il Centro Funzionale Decentrato di Protezione Civile, in data odierna, ha emesso a partire dalle ore 12:00 del 26.10.2020 e sino alle...

Coronavirus, 25 ottobre: salgono i contagi in Sardegna, +195 nelle ultime 24 ore

Sono 195 i nuovi positivi in Sardegna nelle ultime 24 ore. Il bollettino della Protezione Civile di oggi 25 ottobre 2020 continua...

DPCM e chiusure: al posto di consigli sui social, agiamo: aiutiamo le attività più colpite!

Dopo l'ufficialità del DPCM del 25 ottobre 2020 e la conferenza stampa di Giuseppe Conte di stamattina, che ha tenuto incollati alla...