#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Terrorway: Absolute

Terrorway: Absolute

Terrorway: Absolute

Eccellente! Questo è l’aggettivo più giusto per l’EP di esordio dei thrasher sardi Terrorway. Absolute è un lavoro che sembra uscito da uno di quegli studi di registrazione a cinque stelle che tutti i musicisti sognano di vedere almeno una volta nella vita. Cinque brani aggressivi, moderni, imprevedibili che vi stupiranno per perizia tecnica ma ancor di più per il sapore internazionale che possiedono: merce rarissima per una band ai primi passi.

Le influenze dei Terrorway sono molteplici, per una band in possesso di un sound che è davvero difficile catalogare con un’unica definizione. Thrash, industrial, alternative, prog, death, sono tutti appellativi che vengono in mente qua e là, durante l’ascolto di brani come Art of discernment o Substance of the way.

La caratteristica sintomatica della band di San Gavino Monreale è sicuramente un groove pazzesco, che coinvolge ogni più nascosto viscere del corpo ad andare dietro a ritmiche sobbalzanti, sinuose, governate dal corposo basso di Giovanni Serra e dal drumming modello Fear Factory di Cosma Secchi: le due anime prominenti, anche a livello sonoro, su tutto il resto.

Sonorità cupe e cariche di pathos richiamano maestri come Tool e Deftones (ascoltare, per credere, il cantato di Anselmo ‘Memo’ Mascia in Survivalist istinct) mentre le strutture più intricate di brani più violenti, come l’opener Her last breath o Threshold of pain, sembrano derivare direttamente dagli spartiti di gente come Meshuggah, Gojira, Strapping Young Lad e, in parte, Opeth. Tutto questo è la concretizzazione di un EP sanguigno, carico di buone idee messe su disco con grande professionalità e cura dei particolari.

Absolute è un’autoproduzione che si fa fatica ad immaginare senza un pronto seguito su full-lenght; è un disco che si divora e ti divora, che non lascia il tempo di annoiarsi, che faticherà ad uscire dal vostro stereo; è un continuo turbine di note, nel quale si inerpicano i riff di Ivan Fois e al voce puntuale, evocativa ed abrasiva quando serve, di Mascia.

Assolutamente consigliato a tutti gli amanti dei suoni più energici e a chi ama farsi stupire. Percorrete con fiducia la “via del terrore”.

Tracklist
01. Her last breath 03:37
02. Art of discernment 05:16
03. Survivalist istinct 05:33
04. Threshold of pain 03:11
05. Substance of the way 04:53

Line-up
Anselmo ‘Memo’ Mascia – voce
Ivan Fois – chitarra
Giovanni Serra – basso
Cosma Secchi – batteria

Fonte: Francesco Sorricaro, Truemetal.it

Lascia un commento