#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

«Espropri a prezzi maggiorati»

Via libera del Cipe a 32 milioni. La classificazione passa da agricola a zona servizi.
Il manager dell’Asl: così pagheremo tutti i terreni per il nuovo ospedale.

Salvatore Piu

Salvatore Piu

Fumata bianca per il nuovo ospedale di san Gavino. Salvo imprevisti entro il mese di settembre ci saranno tutti i soldi (78 milioni di euro) per la realizzazione della nuova struttura. Intanto una delibera del Cipe assegna 541 milioni di euro alla Sardegna e di questi una parte a San Gavino: «Nella delibera – rimarca il direttore generale della Asl Salvatore Piu – si assegnano 32 milioni di euro per la ristrutturazione dell’ospedale, ma farò fare una rettifica, già condivisa col presidente Cappellacci e l’assessore De Francisci. Gli altri 46 saranno deliberati dalla giunta regionale non appena sarà approvata in consiglio regionale la rete ospedaliera già passata in commissione sanitaria. In tutto avremo 78 milioni di euro cui bisognerà aggiungere gli arredi e le nuove tecnologie che otterremo con un project financing».

Dopo tante parole si spera che questa sia la volta buona: «Non appena il consiglio regionale approverà la rete ospedaliera, partirò con gli espropri che saranno pagati non appena arriveranno i soldi. Bisognerà adeguare i prezzi dei terreni che avevano una valutazione agricola e non di zona servizi. I posti letto saranno 200 mentre il vecchio ospedale funzionerà come una casa della salute. Le lungodegenze saranno a Villacidro, Villamar e Guspini che speriamo di recuperare».

Fiducioso l’assessore provinciale alla sanità Nicola Garau: «La battaglia per il nuovo nosocomio non è ancora finita, ma è un bel passo avanti, anche se dobbiamo aspettare ancora gli altri 46 milioni di euro». Intanto arriveranno altri soldi nel Medio Campidano, come evidenzia il consigliere regionale del Pdl Sisinnio Piras: «Per la messa in sicurezza dei vari presidi territoriali della Asl ci sono 2,5 milioni di euro inseriti nella delibera Cipe. Per le bonifiche dell’area mineraria di Montevecchio ben 40 milioni e 9 per le bonifiche di Santa Miali a Furtei».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento