Carnevale Storico Sangavinese 2019
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Pranzo per cittadini in difficoltà

Nel paese quattrocento famiglie chiedono aiuto per superare il momento di crisi. L’associazione “Anziani sempre giovani” invita 80 persone per venerdì.

Crisi

Crisi

La crisi economica si fa sentire e a San Gavino cresce sempre di più il numero di persone che non riescono ad arrivare alla fine del mese e a comprare gli alimenti per i pasti giornalieri. Così l’associazione Anziani sempre giovani, d’accordo con l’assessore ai Servizi sociali Giancarlo Corda, ha deciso di organizzare per venerdì un pranzo sociale nella sede di via Convento rivolto a 80 cittadini svantaggiati.

L’associazione degli anziani metterà a disposizione la sede e si occuperà della preparazione del pranzo con diversi soci volontari: «Spesso – spiega la presidente Franca Manieli – c’è bisogno di stare in compagnia e ci sono molte persone in forte difficoltà economica. Per l’occasione mettiamo a disposizione tutta la nostra buona volontà per collaborare. Come associazione facciamo spesso pranzi con pochi soldi per passare insieme una serata. In genere chiedo a chi può di portare qualcosa. L’importante è la gioia di stare insieme».

Intanto lo stesso Comune garantisce ogni giorno 10 pasti a persone bisognose, ma è solo uno dei tanti interventi dei Servizi sociali guidati dall’assessore Giancarlo Corda. Così per il bando regionale delle povertà estreme ci sono state ben 169 domande di famiglie con un reddito ISEE (permette di valutare la situazione economica della famiglia) di 4800 euro, per un altro intervento simile le domande sono state 153 a cui si aggiungono 83 inserimenti lavorativi. «Inoltre – spiega l’assessore Giancarlo Corda – ci sono pervenute 50 domande di persone che non sono riuscite a pagare i debiti con Equitalia. In un anno le domande di aiuto sono quasi triplicate».

In un paese di quasi 9 mila abitanti sono quasi 400 famiglie che si trovano in una situazione di grave povertà e spesso anche chi lavora con uno stipendio basso non riesce a chiudere il mese o affrontare improvvise emergenze economiche.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento