22.3 C
San Gavino Monreale
sabato, Maggio 30 2020

Mercatino per il rilancio

Da leggere

Calcetto con gli amici, si riparte il 15 giugno?

Buone notizie per i tantissimi appassionati di sport, anche amatoriale. La fonte è autorevole: il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Aumento dei prezzi, il “contributo Covid” non esiste

Da Confartigianato Sardegna lo stop alle polemiche sul “contributo Covid” di acconciatori ed estetisti: “Non esiste e non può essere applicato”. Matzutzi...

Trasferimento del Servizi di Diabetologia, interviene il Sindaco di San Gavino Monreale

Il Comune di San Gavino Monreale fa sentire la propria voce, all'indomani della nascita del gruppo spontaneo di cittadini contrari allo spostamento...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 29 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Lo spostamento della stazione ha spopolato via Roma. Il sindaco: prodotti a chilometri zero nell’intera strada.

Il sindaco Gianni Cruccu
Il sindaco Gianni Cruccu

Un mercatino dei prodotti locali per valorizzare l’economia del paese. È la proposta del sindaco Gianni Cruccu che, d’accordo con i commercianti, punta a riportare la gente nel centro storico. «Il martedì – spiega – faremo un mercatino con i prodotti locali a chilometri zero». L’idea è ancora da mettere in pratica. «Occorre contrassegnare gli spazi e, poi, si potrebbero mettere gli stand fino altezza della strada che porta alla fonderia, ma anche nell’area della vecchia stazione dove era situato lo scalo merci».

Il mercatino si aggiungerebbe a quello esistente del venerdì che si svolge nel parcheggio dell’ospedale: «L’idea – aggiunge – è riportare la gente in via Roma: in questo modo, le bancarelle sarebbero di fronte ai negozi o alle abitazioni, occupando quasi tutta la via». Insomma un’idea concreta per cercare di ripopolare il centro che da quando la stazione ferroviaria è stata spostata dall’altra parte del paese sta morendo. Tanti commercianti ed imprenditori locali hanno difficoltà e aumenta il numero delle attività che devono chiudere.

Sono lontani gli anni d’oro della fonderia e delle miniere del territorio in cui si facevano grandi affari ma il commercio rimane uno dei settori economici più importanti del paese con oltre 250 esercizi e tantissime buste paga. La sfida è combattere la concorrenza della media e della grande distribuzione puntando sulla qualità delle offerte e dei servizi.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Articolo precedenteDonare il sangue è importante
Articolo successivoNuovi docenti in cattedra

Altri articoli

Ultime News

Calcetto con gli amici, si riparte il 15 giugno?

Buone notizie per i tantissimi appassionati di sport, anche amatoriale. La fonte è autorevole: il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Aumento dei prezzi, il “contributo Covid” non esiste

Da Confartigianato Sardegna lo stop alle polemiche sul “contributo Covid” di acconciatori ed estetisti: “Non esiste e non può essere applicato”. Matzutzi...

Trasferimento del Servizi di Diabetologia, interviene il Sindaco di San Gavino Monreale

Il Comune di San Gavino Monreale fa sentire la propria voce, all'indomani della nascita del gruppo spontaneo di cittadini contrari allo spostamento...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 29 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Presentazione del bando “Microincentivi per l’innovazione III edizione”

Venerdì 29 maggio 2020, a partire dalle ore 10:00, si terrà il seminario online per la presentazione del bando Microincentivi per l'innovazione III edizione.