#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

«Io, moroso, voglio pagare»

Dopo la decisione di mettere ordine nel patrimonio comunale. Gli affittuari: sì a canoni legati al valore dei terreni.

Municipio

Municipio

Rinnovare i contratti d’affitto degli oltre 130 ettari di terreni agricoli di proprietà comunale, facendo pagare i morosi e adeguando le tariffe secondo quanto prevede la legge. È questa l’iniziativa che sta portando avanti la Giunta guidata dal sindaco Gianni Cruccu. Un compito non certo facile anche perché alcuni campi sono occupati in maniera abusiva o ci sono contratti di oltre 30-40 anni fa. Per questo motivo il Comune ha chiamato all’appello gli affittuari che pian piano si stanno presentando negli uffici del Municipio.

GLI AFFITTUARI Uno di questi è Giuseppe Maxia, 48 anni, allevatore: «Ho in affitto circa 16-17 ettari di terreni comunali e porto avanti la mia piccola azienda. Possiedo 300 pecore e garantisco anche un posto di lavoro. Ho sempre pagato l’affitto e il contratto appena scaduto risale a 30 anni fa. Senza questi terreni non potrei andare avanti. Ci sono molte situazioni che vanno chiarite e anche tante gelosie per gli appezzamenti comunali. Sono andato il Comune per aggiornare la mia situazione».

Per il pascolo il canone ad ettaro è di poco superiore ai 21 euro, ma è da anni che alcune situazioni vengono trascurate, come conferma l’agronomo Paolo Canargiu, che ha un allevamento di mille pecore: «Ho circa due ettari e mezzo di terreni comunali destinati al pascolo. Prima veniva corrisposto un affitto, poi si doveva fare una rettifica, ma sono passati 15 anni: non ho nessun problema a pagare quanto dovuto. Il canone è irrisorio, ma va fatta chiarezza perché molti terreni comunali sono affidati a persone che non sono di San Gavino. Gli appezzamenti del Municipio sono per lo più in zone aride di San Gavino e senza irrigazione anche se possono essere utilizzati per il pascolo».

IL MOROSO Non paga da almeno 5 anni Francesco Ennas, 76 anni: «Ho da quasi 50 anni 15 ettari di terreni comunali che sono coltivati con il grano o lasciati a pascolo. Si trovano a Coarbigu, una zona molta arida. Quest’anno non ho utilizzato il concime e la resa del grano ad ettaro sarà molto bassa, forse non riuscirò a pagare neanche la mietitrebbia. Adesso andrò in Comune per regolarizzare la situazione: penso che il canone d’affitto debba essere stabilito anche in base alla qualità del terreno».

IL SINDACO In tempi di crisi il Comune vuole mettere ordine al caos dei contratti. «Abbiamo avviato le ricerche per trovare i contratti», spiega il sindaco Gianni Cruccu, «faremo pagare gli arretrati e alcuni affittuari sono già venuti in Municipio per la stipula o il rinnovo del contratto». Alcuni terreni ora abbandonati potrebbero essere assegnati a giovani senza lavoro contribuendo ad arrestare l’emorragia di abitanti.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento