#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

«Troppi terreni dati in affitto a non residenti»

Terreni agricoli

Terreni agricoli

Il Comune è proprietario di circa 130 ettari di terreni agricoli dati da tempo in affitto ad agricoltori e allevatori, non sempre assegnati a sangavinesi. È questo quanto emerge da una prima ricognizione del Comune che vuole mettere ordine in una situazione caotica facendo pagare i morosi e adeguando le tariffe secondo quanto prevede la legge.

Il sindaco Gianni Cruccu da tempo ha convocato gli affittuari che si stanno presentando al Comune. «Abbiamo visto che alcuni terreni – rimarca il primo cittadino – sono stati affidati a persone che non sono di San Gavino. Ora vogliamo verificare quello che è successo in passato perché alcuni campi sono occupati in maniera abusiva o ci sono contratti di oltre 30-40 anni fa».

L’amministrazione comunale vuole incentivare l’agricoltura e vedere chi effettivamente sta utilizzando i terreni. «Gli affitti – aggiunge Cruccu – sono troppo bassi. C’è chi paga appena 170-180 euro per 10 ettari mentre riceve contributi regionali e incentivi dall’agenzia Laore per non meno di 250 euro ad ettaro. Ecco perché cercheremo di aumentare gli affitti in modo che i terreni restino in mano solo a chi ha intenzione di lavorare».

Così in Comune sono stati già convocati alcuni affittuari come Giuseppe Maxia, Fabrizio Deidda, gli eredi di Giuseppe Meloni e Gabriele Cabriolu, Vincenzo Ennas, Giovanni Congias, Vincenzo Piras, Paolo e Ignazio Canargiu, Francesco Ennas mentre devono essere ancora convocati Fabio Meloni, Antioco Bussu di Pabillonis e la famiglia Cabras di Gonnosfanadiga che ha in affitto i terreni in località Santa Maria.

Uno dei convocati è l’agronomo Paolo Canargiu che ha un allevamento di mille pecore: «Ho circa due ettari e mezzo di terreni comunali destinati al pascolo. Il canone è irrisorio, ma va fatta chiarezza perché molti terreni comunali sono affidati a persone non di San Gavino». Insomma sanare questa situazione non è facile, ma già lo scorso anno sono stati versati oltre mille euro di affitti arretrati. Ora il Comune sta facendo gli accertamenti con il servizio di vigilanza campestre.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento