#
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Un parco a costo zero per i cani

Proposta presentata al Comune da parte dell’associazione “Stazione culturale”. Piras: «Uno spazio per poter trascorrere ore felici con il proprio animale»

Un parco a costo zero per i cani

Un parco a costo zero per i cani

Un parco attrezzato per far giocare il proprio cane e praticare l’agility dog, una disciplina aperta a tutti che premia la collaborazione tra gli amici a quattro zampe e il proprietario. È la proposta dell’associazione “Stazione Culturale del Medio Campidano” presentata al sindaco Gianni Cruccu e all’assessore alla Cultura Cinzia Uda. «Questo parco – spiega il presidente Walter Piras – non avrà nessun costo né per il Comune né per i cittadini. Chiunque potrà contribuire alla realizzazione del parco donando uno dei 14 ostacoli che saranno posizionati nel percorso o parti della recinzione. La nostra associazione è disposta a gestirlo per 10 anni».

Il dog park sarà un richiamo non solo per i cinofili di San Gavino, ma per tutti quelli che possiedono un cane e desiderano trascorrere qualche ora in un luogo sicuro e recintato. «Attualmente – aggiunge Piras – non è presente nessun circuito di agility dog in tutta la provincia: i più vicini sono ad Assemini e Cagliari. Per poter realizzare il parco chiediamo al Comune l’utilizzo in comodato gratuito di un’area dotata di illuminazione pubblica, nei pressi del centro abitato (per potersi recare a piedi con il proprio cane), l’allaccio alla rete idrica (per installare un rubinetto per far abbeverare i cani), almeno 6 cestini per i rifiuti. Il terreno potrebbe essere quello situato tra il parco comunale le scuole medie».

Si tratta di un progetto a costo zero per le casse del Comune mentre negli ostacoli sarà indicato il nome dei privati o delle imprese che faranno la donazione. Così sarà presente la parete inclinata, lo slalom, l’ostacolo per il salto in alto, la scaletta, il carretto, il tunnel, l’altalena e il ponte sui bidoni. Negli ostacoli non vi saranno chiodi e viti sporgenti o angoli vivi, che possano ferire il cane o il suo padrone.

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento