18.8 C
San Gavino Monreale
giovedì, 23 Settembre 2021

Successo per la prima di M’Illumino di Prosa

Emergenza sanitaria

Successo per la prima di M'Illumino di Prosa
Successo per la prima di M’Illumino di Prosa

Successo per la prima di M’Illumino di Prosa, la stagione 2012-13 del CeDAC a San Gavino Monreale con lo scoppiettante “Fritto Misto e Baccalà” firmato L’Effimero Meraviglioso e interpretato da Marta Proietti Orzella (sua anche la regia) con i Noise OFF Random, che sabato 26 gennaio ha inaugurato il cartellone al Salone Santa Lucia. La scelta dell’amministrazione di dare continuità agli appuntamenti con la grande prosa, che a San Gavino Monreale è molto apprezzata e seguitissima (nonostante la chiusura provvisoria del teatro comunale per inagibilità) è stata premiata dal pubblico, accorso all’apertura della Stagione per un viaggio tra le luci del varietà. Un inedito palcoscenico nel Salone Santa Lucia, appositamente riallestito dal CeDAC e un programma costruito ad hoc, con due repliche per ogni spettacolo offriranno ai cittadini sangavinesi il gusto del teatro, tra ironia e drammaturgia contemporanea e emozionanti intrecci di parole e note.

Il sipario del Salone Santa Lucia si aprirà di nuovo venerdì 1 e sabato 2 febbraio alle 21 su “Il contrabbasso” di Patrick Süskind, un “fulminante monologo sulla vanità dei primi violini”, nella versione del MAB Teatro e Artècrazia, con Daniele Monachella (che firma anche la regia) e Marco Pintus (al contrabbasso): il racconto di una vita d’artista svela come in fondo al “golfo mistico”, tra le fila di un’orchestra, si ritrovino le stesse gerarchie e divisioni della società, tra capricci e snobismi da “prime parti”, senso di straniamento, solitudine e segrete passioni. Dopo la tournée in Italia, ritorna nell’Isola la pièce ispirata a un classico del teatro del Novecento (e realizzata con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Federale Tedesca e del Goethe-Institut), che disegna con graffiante umorismo – sul filo dei pensieri e del disincanto del protagonista – un sapido affresco di varia umanità.

Nel cartellone di San Gavino Monreale anche “La fondazione” del poeta romagnolo Raffaello Baldini (7 e 8 marzo) con uno straordinario Ivano Marescotti, per la regia di Valerio Binasco: è la storia di un uomo che non riesce a gettar via nulla e lascia che la sua esistenza venga invasa dalla “roba”, in una metafora dolceamara del consumismo e dell’alienazione contemporanea.

Per chiudere in bellezza, il 15 e 16 aprile, spazio a “L’attesa” di e con Paola Quattrini: sulle note del contrabbasso di Massimo Moriconi, un’affascinante antologia di frammenti di teatro e poesia da Ibsen a Tennessee Williams, da Dostoeskij e Handke a Marguerite Yourcenar.

Biglietti: intero €12 – ridotto €10
info: cell: 340.4041567 – www.cedacsardegna.it

- Pubblicità -
- Pubblicità -

Articoli correlati

- Pubblicità -

Ultime News