18.8 C
San Gavino Monreale
giovedì, Maggio 28 2020

«Così il medico aggredì l’infermiera»

Da leggere

Servizi sociali, uno sportello pedagogico gratuito

"Assieme per ascoltarci" è lo slogan dello sportello pedagogico, un servizio gratuito di ascolto, orientamento e accompagnamento allestito dall'assessorato ai Servizi Sociali...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 27 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 26 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

A San Gavino parrucchieri, estetiste e altre attività potranno aprire anche nei festivi

Arriva una nota del Sindaco Carlo Tomasi che, al fine di sostenere la ripresa delle attività danneggiate dall'emergenza coronavirus, comunica la libertà...

È finito a processo per aggressione e violenza. Pietro Canargiu, 61 anni, cardiologo di San Gavino, ieri mattina nell’aula del Tribunale di Sanluri, dove si è svolta l’udienza che lo vede imputato per aver offeso Gerolama Re, 62 anni, infermiera in pensione.

Ospedale
Ospedale

La vicenda risale al 2005, all’interno dell’ospedale di San Gavino, dove i due professionisti lavoravano. Secondo l’accusa il medico avrebbe chiesto alla donna di consegnargli l’agenda degli appuntamenti che aveva in mano. L’infermiera si sarebbe rifiutata, nel rispetto delle disposizioni avute dai diretti superiori. A quel punto il medico avrebbe tentato di strappagliela con la forza. Da qui la denuncia per violenza e aggressione.

Ieri, davanti al giudice Andrea Deidda, hanno deposto due testimoni: Sergio Usai, di Collinas, e Mariano Cabiddu, di Gonnosfanadiga. Mentre Usai ha sostenuto di non ricordare i fatti successi ormai 8 anni fa, Cabiddu ha cercato di ricostruire quanto ha visto quella mattina. «Ero andato in ospedale per una visita cardiologica. All’accettazione, nonostante il controllo mi fosse stato prescritto poco prima con urgenza, mi è stato detto che non era possibile. Dottor Canargiu si è avvicinato e mi ha visitato immediatamente. Non ho visto alcuna lite. Erano tutti tranquilli. Ho ringraziato il medico per la sua disponibilità». «A chiedermi la visita con urgenza era stato il medico del paziente», ha detto Canargiu. Il giudice ha aggiornato il processo al 15 febbraio.

Fonte: Santina Ravì, Unione Sarda

Altri articoli

Ultime News

Servizi sociali, uno sportello pedagogico gratuito

"Assieme per ascoltarci" è lo slogan dello sportello pedagogico, un servizio gratuito di ascolto, orientamento e accompagnamento allestito dall'assessorato ai Servizi Sociali...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 27 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale del 26 Maggio 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

A San Gavino parrucchieri, estetiste e altre attività potranno aprire anche nei festivi

Arriva una nota del Sindaco Carlo Tomasi che, al fine di sostenere la ripresa delle attività danneggiate dall'emergenza coronavirus, comunica la libertà...

Coronavirus in Sardegna: zero contagi, solo 2 persone in terapia intensiva

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...