36° Carnevale Storico Sangavinese
Monumenti Aperti Tutto l'Anno | San Gavino Monreale Mappa dei Murales Sangavinesi

Resta in contatto con San Gavino Monreale . Net!

RSS FeedYoutube

Strade buie, tanti pericoli per i pedoni

Nonostante il piano di sostituzione dei lampioni portato avanti dal Comune.

Strade al buio ed ecco che il pericolo per i pedoni e gli automobilisti diventa enorme, soprattutto nelle ore serali e notturne. Succede a San Gavino nelle strade che portano alla nuova stazione ferroviaria dove transitano ogni giorno centinaia di pendolari, in alcune vie periferiche e da qualche tempo nell’enorme parcheggio antistante l’ospedale. In quest’ultimo punto, soprattutto nelle giornate piovose e fredde, il disagio è ancora maggiore perché la sera molte persone vanno in ospedale per far visita ai propri parenti o amici ricoverati all’ospedale Nostra Signora di Bonaria.

Strade buie, tanti pericoli per i pedoni

Strade buie, tanti pericoli per i pedoni

ANZIANI Non mancano i disagi e per le persone di una certa età c’è il rischio di farsi davvero male. «È successo anche da poco», racconta Gianni Palombo, pensionato, «una signora è caduta nell’area del parcheggio ora al buio». E come questa signora in tanti rischiano di farsi male e devono stare attenti ad evitare le pozzanghere con un pericoloso slalom. Le segnalazioni non sono mancate e in quel caso l’amministrazione si è subito attivata: «Stiamo cercando – spiega il sindaco Gianni Cruccudi risolvere il problema al più presto».

Oltre alla mancanza dell’illuminazione in alcune strade c’è il pericolo della caduta dei pali elettrici divorati dalla ruggine, come succede in viale Rinascita, a pochi passi da uno studio medico e da un bar di recente apertura. Insomma una situazione catastrofica che ha visto l’assessore all’Energia e Lavori pubblici Bruno Deidda rimboccarsi le maniche per arginare il disagio: «Stanno per concludersi i lavori di adeguamento della rete di illuminazione pubblica finalizzati al contenimento dell’inquinamento luminoso e al conseguimento del risparmio energetico. L’intervento ha riguardato la sostituzione di 457 corpi illuminanti, attualmente equipaggiati con lampade a vapori di mercurio, che non verranno più prodotte dal 2015, con centri luminosi dotati di lampade a vapori di sodio ad alta pressione. Inoltre sono stati inoltre sostituiti 324 sostegni, non adeguati, anche per questioni di sicurezza nei confronti dei cittadini, perché essendo corrosi alla base rappresentavano un pericolo con rischi di caduta».

LA MAPPA L’intervento, costato 358 mila euro, ha interessato le vie Torino, San Gavino, Galileo, Garau, Manca, Maiorana, Copernico, Barsanti, Degli Olmi, S. Croce, Nurazzeddu, Fermi,Volta, Torricelli, Meucci, Edison, Galvani, Pacinotti, Macchiavelli, Rinascita, Leonardo, Monreale, viale Trieste, via Matteotti e tutta la zona di piazza Giovanni XXIII, via Palestrina, Leoncavallo, Monteverdi, Donizzetti, Porrino, Bellini Rossini, Boito.

Adesso si pensa alle zone vicine alla nuova stazione. «Stiamo pianificando – conclude Bruno Deidda – la possibilità di intervento in via Maria Carta e via Donizzetti in quanto rimaste incompiute dai lavori della stessa stazione per motivi burocratici e da noi ritenute di estrema pericolosità per i pedoni».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Lascia un commento