16.9 C
San Gavino Monreale
martedì, 31 Marzo 2020

Assunzioni nella fonderia

Da leggere

Il SPI Cgil del Sud Sardegna Occidentale dona 1.000 euro alla Grande Raccolta

Il Sindacato Pensionati Italiani Cgil del Sud Sardegna Occidentale, con sede a San Gavino Monreale, ha donato 1.000 euro alla “Grande Raccolta...

San Gavino Monreale, raccolta beni di prima necessità e spesa “sospesa”

Qualche giorno fa abbiamo parlato delle recenti iniziative della Caritas Interparrocchiale, che lavora silenziosamente tutto l'anno per dare un aiuto laddove è necessario....

Comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

Un nuovo comunicato di cordoglio del Sindaco Carlo Tomasi in seguito alla scomparsa di una nostra concittadina, la seconda vittima del virus...

Sardegna: nel 2019 è boom per il gaming online

Continua a crescere senza soste la passione dei sardi per il gaming online. Nel solo 2019 sono stati spesi complessivamente 1,6 miliardi di...

Martedì riapre la fabbrica dopo tre anni e mezzo. Nuovi lavoratori per la manutenzione, la mensa e le pulizie.

La fonderia di San Gavino
La fonderia di San Gavino

La soddisfazione dei vertici aziendali e dei sindacati. Resta qualche ora di cassa integrazione sino ad aprile. Prevista la lavorazione di 65 mila tonnellate di piombo al giorno.

Il conto alla rovescia è iniziato da tempo e martedì i cancelli della fonderia si riapriranno dopo tre anni e mezzo di cassa integrazione. Ai dipendenti dello stabilimento, che fa capo alla Portovesme Srl della multinazionale svizzera Glencore, si affiancheranno i lavoratori delle ditte d’appalto (Unicosmo e Dalmav) che curano la manutenzione degli impianti, mensa e pulizie.

NUOVO LAVORO Ed è proprio qui che arriva una nuova iniezione di fiducia perché nelle ditte esterne ci saranno almeno 25 nuove assunzioni: tutti giovani e quasi tutti di San Gavino come ricorda Alessio Frau, 33 anni, che in fonderia lavora da quando aveva 21 anni: «Le nuove buste paga sono un fatto positivo e anche nello stabilimento sono stati fatti nuovi investimenti: tutto questo per il nostro territorio è oro colato. Ho iniziato a lavorare nel 2001 facendo la gavetta con ditte esterne, poi nel 2009 è arrivata l’assunzione a tempo indeterminato. Speriamo che i pensionamenti siano integrati dal nuovo personale».

RIAPERTURA La fonderia, gigante industriale aperto nel giugno del 1932, non sembra sentire il peso dei suoi 80 anni ed ora tutto è pronto per la ripartenza, come ricorda l’ingegnere Danilo Longu, responsabile dell’impianto: «Martedì arriverà il primo piombo da Portovesme – spiega – l’azienda ha sempre creduto nella valenza della fonderia di San Gavino facendo la manutenzione e ammodernando gli impianti».

IL PIOMBO «Ogni giorno – prosegue Longu- vengono lavorate circa 65-70 mila tonnellate di piombo. L’azienda è attenta al rispetto dell’ambiente e del territorio: ci sono dei nuovi punti di captazione e aspiratori». Dal piombo saranno poi raffinati metalli preziosi come l’argento e l’oro, il vero business della fonderia.

SPERANZA Per San Gavino e per il Medio Campidano un segnale di speranza: «Il riavvio della fonderia – rimarca Edoardo Bizzarro, segretario territoriale della Cisl – è di buon auspicio. Inoltre il fatto che le imprese d’appalto facciano delle assunzioni contribuisce a far muovere l’economia di un territorio. Come sindacato siamo pronti a difendere l’importanza strategica dell’industria nel territorio».

I SINDACATI È impegnato in prima linea al fianco dei lavoratori anche Gigi Marchionni, segretario territoriale della Fiom Cgil: «Le nuove assunzioni sono un segnale positivo: stiamo dando indicazioni per mandare il curriculum alle aziende. Speriamo che in futuro possano esserci assunzioni all’interno della fonderia: tutto il personale è rientrato al lavoro anche se rimarranno alcune ore di cassa integrazione fino ad aprile. L’arrivo di nuovo personale è di fondamentale importanza per sostituire chi deve andare in pensione. Siamo soddisfatti perché Carlo Lolliri, amministratore delegato della Portovesme Srl, ha mantenuto promesse e impegni».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Altri articoli

Ultime News

Il SPI Cgil del Sud Sardegna Occidentale dona 1.000 euro alla Grande Raccolta

Il Sindacato Pensionati Italiani Cgil del Sud Sardegna Occidentale, con sede a San Gavino Monreale, ha donato 1.000 euro alla “Grande Raccolta...

San Gavino Monreale, raccolta beni di prima necessità e spesa “sospesa”

Qualche giorno fa abbiamo parlato delle recenti iniziative della Caritas Interparrocchiale, che lavora silenziosamente tutto l'anno per dare un aiuto laddove è necessario....

Comunicato di cordoglio dell’Amministrazione Comunale

Un nuovo comunicato di cordoglio del Sindaco Carlo Tomasi in seguito alla scomparsa di una nostra concittadina, la seconda vittima del virus...

Sardegna: nel 2019 è boom per il gaming online

Continua a crescere senza soste la passione dei sardi per il gaming online. Nel solo 2019 sono stati spesi complessivamente 1,6 miliardi di...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 21.911 € dopo 7 giorni

Dopo 7 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 21.911 euro grazie alla donazione...