17.5 C
San Gavino Monreale
sabato, Aprile 4 2020

Mercatino con il baratto nel parco “Rolandi”

Da leggere

Coronavirus, anche a Serramanna primo caso di positività

Anche a Serramanna arriva la notizia tanto temuta. Il Comune, mediante un comunicato sul sito istituzionale, avvisa la cittadinanza del primo caso...

Sardegna, arrivati 10.000 tamponi e reagenti per screening su personale sanitario

Il Governatore della Regione Sardegna Christian Solinas ha comunicato che sono appena arrivati a Cagliari 10.000 tamponi e reagenti che serviranno per...

Coronavirus: un video per mostrare come si diffonde

Ecco come si diffonde il coronavirus, spiegato in modo molto semplice dal dott. Matteo Bassetti, primario della clinica di malattie infettive del San Martino...

Comune di San Gavino, ordinanze restrittive prorogate sino al 13 aprile

In attuazione dei DPCM e delle ordinanze citate in premessa e in particolare del DPCM 01.04.2020, al fine di implementare le misure...

Mercatino con il baratto
Mercatino con il baratto

Combattere la crisi con il baratto. È con questa finalità che da marzo ogni domenica il parco comunale “Rolandi” ospiterà il mercatino solidale. Un’iniziativa fortemente voluta dalla Pro Loco di San Gavino e da Sonia Concu, che gestisce da tempo l’area verde.

«Si svolgerà la mattina – spiega il presidente dell’associazione turistica, Antonio Garau – dalle 10.30. Lo spirito è di proporre in questo momento di crisi l’usanza del baratto come forma di microeconomia. Si potranno riusare, riciclare e scambiare oggetti nuovi o che non si utilizzano. Chi vuole potrà anche regalare cani o gatti».

Al parco troveranno spazio in tanti e le porte sono aperte per tutti: «Si potranno scambiare – aggiunge il presidente della Pro Loco – tante cose che si buttano. Penso alle piantine di pomodori che avanzano agli agricoltori e via dicendo. Come contropartita si potranno offrire anche libri o giocattoli e vestiti per grandi e bambini. Il mercatino solidale sarà un’occasione per trascorrere il tempo in modo diverso e per favorire la socializzazione. Si riporteranno in vita quei rapporti sociali basati sullo scambio e sul dialogo che si stanno perdendo».

Inoltre una novità assoluta: «Ci sarà “l’ospedale delle cose”, vale a dire – conclude Garau – la possibilità di far aggiustare un attrezzo, intagliare una sedia offrendo sempre qualcosa in cambio. Per informazioni: 348-9233707». Entusiasta è anche la giovane Sonia Concu: «In più, oltre agli oggetti usati, troveranno spazio anche i prodotti agricoli locali e del territorio. Ci sarà anche spazio per gli hobbisti, gli artigiani e per i mestieri tradizionali di un tempo che corrono il rischio di scomparire».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Altri articoli

Ultime News

Coronavirus, anche a Serramanna primo caso di positività

Anche a Serramanna arriva la notizia tanto temuta. Il Comune, mediante un comunicato sul sito istituzionale, avvisa la cittadinanza del primo caso...

Sardegna, arrivati 10.000 tamponi e reagenti per screening su personale sanitario

Il Governatore della Regione Sardegna Christian Solinas ha comunicato che sono appena arrivati a Cagliari 10.000 tamponi e reagenti che serviranno per...

Coronavirus: un video per mostrare come si diffonde

Ecco come si diffonde il coronavirus, spiegato in modo molto semplice dal dott. Matteo Bassetti, primario della clinica di malattie infettive del San Martino...

Comune di San Gavino, ordinanze restrittive prorogate sino al 13 aprile

In attuazione dei DPCM e delle ordinanze citate in premessa e in particolare del DPCM 01.04.2020, al fine di implementare le misure...

“Grande Raccolta Fondi per l’Ospedale di San Gavino”: 27.771 € dopo 11 giorni

Dopo 11 giorni la Grande Raccolta Fondi per l'Ospedale di San Gavino ha raggiunto la cifra di 27.771 euro grazie alla donazione...