9.4 C
San Gavino Monreale
mercoledì, Aprile 8 2020

«Imu ridotta se il locale è affittato»

Da leggere

Presentazione delle domande per la concessione dei “Buoni Spesa” del Comune di San Gavino Monreale

Sono aperti i termini per la presentazione delle istanze finalizzate alla concessione di “buoni spesa” al fine di fronteggiare i bisogni alimentari...

Raccontare San Gavino ai tempi del coronavirus. Ospiti del 7 aprile, Don Massimo Cabua e Alberto Ibba

Oggi con noi Don Massimo Cabua e Alberto Ibba. Tutte le sere dal lunedì al venerdì alle 21:30 andrà in onda "Raccontare...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale al 7 aprile 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 922 a 935 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Nuova proposta del sindaco Cruccu per aiutare il commercio nel centro storico

IMU
IMU

Serrande abbassate e locali sfitti in via Roma e in altre strade. Che fare per favorire gli affitti? C’è la crisi e spesso i prezzi sono troppo alti (anche 2 mila euro mensili in via Roma), ma i pareri si dividono tra chi è d’accordo a far pagare l’Imu più alta a chi lascia uno stabile sfitto e chi invece vorrebbe abbassare questa tassa a chi riesce ad affittare il locale commerciale. Così se l’aliquota Imu è al 7,6 per mille per i locali sfitti, l’amministrazione lancia una proposta: «La nostra volontà – spiega il sindaco Gianni Cruccu – è quella di diminuire l’Imu al 4,6 per mille nel caso in cui i locali siano affittati. Ciò per favorire una locazione a prezzi più bassi e fare in modo che ci sia un’offerta maggiore di locali low cost rispetto al contesto attuale. Questa volontà è stata applicata da questa maggioranza portando in diminuzione la Tarsu per i locali delle attività artigianali».

Ma non tutti sono convinti che questa sia la soluzione al problema delle continue chiusure dei negozi: «Ribassare l’Imu non basta – spiega Isabella Lisci, titolare di una erboristeria. Bisognerebbe mettere dei massimali per l’affitto a metro quadrato in via Roma e nelle strade vicine. Gli affitti sono troppo alti e i commercianti scappano nei paesi vicini. L’amministrazione comunale dovrebbe portare avanti delle iniziative per rilanciare l’economia e non cercare di danneggiare quelle che ci sono già. Il problema della chiusura delle attività viene sottovalutato mentre tante iniziative, come la valorizzazione della vecchia ferrovia, non sono state fatte. I lavori in via Roma sono un danno economico per i commercianti».

Abbassare l’Imu non serve neanche per Antonio Contu, commerciante in pensione: «La verità è che non c’è gente che vuole aprire nuove attività. Nessuno vuole più rischiare: ci sono tantissimi cartelli affittasi o vendesi perché manca la domanda. L’attività commerciale che avevamo in via Roma si è trasferita e viene ora seguita da mio figlio: pago una tassa per un locale che oggi è improduttivo».

Scettico sulla proposta del sindaco è anche Roberto Senis, che gestisce due distributori di carburante e un negozio automatico di bibite, caffè e cappuccini: «Il problema non è ribassare l’Imu, gli amministratori dovrebbero esaminare i diversi settori produttivi ed invogliare ad ampliare le attività. Il Comune potrebbe intervenire sugli affitti e dare ai commercianti un contributo per il pagamento, magari risparmiando su altri settori. Ho un distributore automatico anche a Sanluri: eravamo intenzionati a chiudere per un problema, ma subito il sindaco si è mosso per aiutarci: a San Gavino non è mai successo. Un altro esempio che il Comune potrebbe seguire? L’associazione dei commercianti rimborsa agli aderenti il 50 per cento degli investimenti fatti nelle proprie attività».

Il rischio è di vedere la via Roma sempre più deserta come ricorda il pensionato Tonino Perra. «I giovani che vogliono mettere su un’attività a San Gavino sono tanti, ma mancano i soldi. Bisognerebbe andare incontro ai giovani imprenditori con piccoli finanziamenti a fondo perduto».

Fonte: Gigi Pittau, Unione Sarda

Altri articoli

Ultime News

Presentazione delle domande per la concessione dei “Buoni Spesa” del Comune di San Gavino Monreale

Sono aperti i termini per la presentazione delle istanze finalizzate alla concessione di “buoni spesa” al fine di fronteggiare i bisogni alimentari...

Raccontare San Gavino ai tempi del coronavirus. Ospiti del 7 aprile, Don Massimo Cabua e Alberto Ibba

Oggi con noi Don Massimo Cabua e Alberto Ibba. Tutte le sere dal lunedì al venerdì alle 21:30 andrà in onda "Raccontare...

Coronavirus, bollettino a San Gavino Monreale al 7 aprile 2020

Il Comune di San Gavino Monreale ha aggiornato il "bollettino" con tutte le informazioni sui casi di contagi da Covid-19 nel nostro...

Coronavirus in Sardegna: i casi totali passano da 922 a 935 rispetto a ieri

Sono arrivati i dati aggiornati del "bollettino coronavirus" in Sardegna. La giornata odierna presenta un bollettino che aggiorna...

Raccontare San Gavino ai tempi del coronavirus. Ospiti del 6 aprile, Andrea Pau e Roberto Pusceddu

Da ieri, tutte le sere dal lunedì al venerdì alle 21:30 andrà in onda "Raccontare San Gavino ai tempi del coronavirus". Il...